Si può trasmettere la fede solo nel dialetto della famigliaˮ

Poi si è soffermato a raccontare il valore della trasmissione della fede, soprattutto attraverso il 'dialetto' dell'amore: "Vorrei dirvi una cosa soltanto, che riguarda voi: la trasmissione della fede si può fare soltanto 'in dialetto', nel dialetto della famiglia, nel dialetto di papà e mamma, di nonno e nonna". Nella Cappella Sistina, sotto gli affreschi di Michelangelo che sono un patrimonio dell'umanità da molto prima della fondazione dell'Unesco, si alzano le "voci" di 34 neonati, con i loro genitori e parenti: a battezzarli è papa Francesco in persona, secondo la tradizione della Chiesa che celebra nella prima domenica dell'anno il Battesimo di Gesù. Parlando nell'omelia della messa, il pontefice ha spiegato: "Poi arriveranno i catechisti a sviluppare questa prima trasmissione, con idee, con le spiegazioni e gli insegnamenti, ma se manca il dialetto, se a casa non si parla fra i genitori quella lingua dell'amore la trasmissione della fede non si potrà fare". Voi li avete portati al Battesimo - ha detto il Papa ai genitori - "e questo è il primo passo per quel compito che avete" di trasmettere la fede.

Da soli, ha ricordato ai genitori il Papa, non ce la facciamo: tutti, per trasmettere la fede, "abbiamo bisogno dello Spirito Santo", perché questo è un dono della grazia che viene dello Spirito Santo. Su di loro, e su tutti i bambini che sono stati battezzati recentemente, invoco la materna protezione della Madre di Dio, perché, aiutati dall'esempio dei loro genitori, dei padrini e delle madrine, crescano come discepoli del Signore. "Il dialetto dei genitori che è l'amore per trasmettere la fede, e il dialetto dei bambini che va accolto dai genitori per crescere nella fede", ha detto Francesco riassumendo la sua omelia: "Continueremo adesso la cerimonia; e se loro incominciano a fare il concerto è perché non sono comodi, o hanno troppo caldo, o non si sentono a loro agio, o hanno fame...".

Anche nell'Angelus papa Francesco ha sottolineato l'umiltà di Gesù nella richiesta del battesimo: "Comprendiamo allora la grande umiltà di Gesù, Colui che non aveva peccato, nel mettersi in fila con i penitenti, mescolato fra loro per essere battezzato nelle acque del fiume. Quanta umiltà ha Gesù!".

Come a Betlemme, anche lungo le rive del Giordano Dio mantiene la promessa di farsi carico della sorte dell'essere umano, e Gesù ne è il Segno tangibile e definitivo. Conoscente in quale giorno siete state battezzati? "Nel dialetto della famiglia, nel dialetto di papà e mamma, di nonno e nonna". "Ricordate la data del vostro battesimo!". Dopo la recita dell'Angelus, il Papa ha ricordato che anche quest'anno, nell'odierna festa del Battesimo di Gesù, ha "avuto la gioia di battezzare alcuni bambini, erano 34".


Popolare

COLLEGARE