#SampdoriaSassuolo, le formazioni: Quagliarella gioca, Iachini si affida a Falcinelli

Un errore pesante, reso ancora più amaro dal mancato intervento del Var per rilevare il netto tocco di mano di Torreira dopo la parata di Viviano. "L'anno scorso riuscimmo a compiere un'impresa grazie all'alchimia che si creò tra squadra e tifosi - afferma Marco Giampaolo nella conferenza stampa della vigilia dal "Mugnaini" -, un valore aggiunto che dobbiamo meritarci ogni volta con il nostro atteggiamento in campo". Il Sassuolo parte con una certa intraprendeza, la Sampdoria gioca di rimessa.

Al diciannovesimo chance per la Sampdoria: cross di Strinic con Lirola che rischia l'autorete con una deviazione e con Quagliarella che per poco non interviene all'altezza del secondo palo, mentre sul corner susseguente è Silvestre di testa a mettere fuori di poco.

Gara bloccata nel primo tempo, Samp pericolosa al 20' con Silvestre, ma sono del Sassuolo le occasioni migliori con Politano che impegna Viviano e soprattutto con una tripla occasione nel giro della stessa azione sventata dal portiere blucerchiato. Un problema da risolvere, ora che la squadra è di nuovo viva. Prima dell'intervallo Quagliarella sfiora il gol, ma si andrà nello spogliatoio sullo 0-0. Al 90' la mossa che cambia le sorti del match. Si è ripetuto oggi a Marassi dove per festeggiare la quinta vittoria dell'anno, la quarta in trasferta, la seconda consecutiva da quando Iachini siede sulla panchina neroverde, il Sassuolo è dovuto passare dal rigore fallito da Matteo Politano al minuto 82. Decide Alessandro Matri con un tiro di sinistro da centro area palla indirizzata nell'angolino in basso a sinistra. Terzo gol in campionato, uomo della provvidenza. Si lascia anticipare da Matri, che condanna la sua lentezza di riflessi.

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Goldaniga, Acerbi, Peluso; Missiroli, Magnanelli, Duncan; Berardi (73' Matri), Falcinelli (91' Cannavaro), Politano (88' Ragusa). All.


Popolare

COLLEGARE