Roma, De Rossi sincero: "Spalletti ha fatto qualche casino. Scudetto? Possiamo vincerlo"

Al fianco di Di Francesco nella conferenza stampa della vigilia di Roma-Qarabag, Daniele De Rossi è tornato a parlare della manata a Lapadula e dell'impegno che potrebbe regalare la qualificazione ai giallorossi. Ho chiesto scusa, di più non posso fare, se potessi tornerei volentieri indietro. Queste le parole sulla sfida di domani: "Questa partita non si prepara diversamente da un derby o da un Roma-Juve, sono partite importanti in cui devi vincere e aggredire. Pensare a quanto accaduto col Genoa non aiuterà né me né i miei compagni". Domani sera gli uomini di Di Francesco si giocheranno il passaggio agli ottavi. La Roma ha addirittura la possibilità di qualificarsi come prima del girone, questo sarebbe un capolavoro firmato Eusebio Di Francesco.

"Mi sembra che i primi sei mesi di Di Francesco siano i migliori di un allenatore all'inizio con la Roma, nemmeno Spalletti al suo ritorno aveva fatto così bene - ha proseguito il centrocampista giallorosso -".

E su Spalletti, preso di mira anche da Perotti: "Spalletti qualche casino a Roma lo ha fatto l'anno scorso".

Sullo scudetto: "Dire che non smetto finché non vinciamo lo scudetto sarebbe da folli". E invece secondo me non è così impossibile che succeda.

"Sarebbe molto importante ricominciare da uno degli allenatori più vincenti della storia". Se fai più fatica e fai male a 34/35 anni, dal mio punto di vista, non sarei mai legato a questo lavoro a tal punto da farlo stando male. E' importante per noi, soprattutto per l'immagine della Roma in Europa. Ogni volta che ho avuto momenti di difficoltà sono sempre stati chiari e fermi nello schierarsi dalla mia parte.


Popolare

COLLEGARE