De Rossi promuove il Var: "Ci darà soddisfazioni"

Me l'ha insegnato un allenatore a cui devo tanto e che stimo molto: Antonio Conte.

JUVE O NAPOLI - "Sono due anni che dico che il Napoli è la squadra più accreditata per vincere, mi piace come giocano". Due settimane fa avreste parlato dell'Inter in lotta per lo scudetto. Noi abbiamo fatto la nostra partita e il pareggio non sarebbe stato bugiardo. Con lui vai sul sicuro. È un discorso di squadra, di episodi, di supporto ai giocatori offensivi.

DI FRANCESCO - Ottimo è anche lo score di Di Francesco sulla panchina della Roma che ha 3 punti in più dello Spalletti dello scorso anno dopo 17 giornate: "Potrei parlare semplicemente dei punti: lo scorso anno avevamo un allenatore magnifico e fatto un campionato strepitoso, guardando la classifica con quel maledetto recupero potremmo avere addirittura più punti e basterebbe questo per zittire tutti". Un po' tutti soffrono la Juventus. Nulla è deciso, ma dobbiamo stare calmi nel fare proclami dopo qualche vittoria consecutiva, dobbiamo giocarcela contro grandissime squadre. "Per quanto ci riguarda questo è un periodo in cui si è perso qualche punto, ma ora abbiamo delle partite da vincere assolutamente per riavvicinarci alle squadre che ci stanno davanti". "E' un campione assoluto che anche quando non segna aiuta la squadra in maniera incredibile. C'e' stato un momento di grosso nervosismo, la qualificazione era molto importante ma sapevamo che sarebbe stata dura", prosegue il capitano della Roma. Cosa mai successa". "C'e' stato uno scambio che succede centinaia di volte tra giocatore e preparatore atletico. "Non mi e' piaciuto neanche gettare la croce addosso a Tavecchio che e' un personaggio che non mi ha fatto impazzire quando si e' inserito con alcune dichiarazioni sicuramente fuori luogo ma negli anni ha fatto il dirigente ereditando una situazione calcistica determinata".

" Mi piaceva più da calciatore perché mi faceva vincere le partite".

" Sono stati fatti 3-4 nomi, ma Damiamo Tommasi ha dato un'immagine diversa a tutti, sia calciatori che dirigenti". Non poteva fare miracoli, ne ha fatti nella prima gestione con Conte. "La Var - ha concluso De Rossi - non è ancora perfetta, ma negli anni ci darà grosse soddisfazioni e grande tranquillità in campo nell'accettare delle decisioni".


Popolare

COLLEGARE