Twitter, è ufficiale: si passa a 280 caratteri

Il social Twitter ha annunciato oggi che - a seguito di un test globale - l'estensione del limite dei tweet a 280 caratteri verrà distribuita agli utenti di tutto il mondo.

Come spiegato dal team di Twitter all'inizio dell'esperimento, la decisione di raddoppiare la lunghezza dei tweet è stata presa dopo aver constatato che alla maggior parte degli utenti i 140 caratteri andavano un po' stretti: il 9% dei tweet in inglese (e sono parecchi!), infatti, erano lunghi esattamente 140 caratteri. Un elemento importante perché rappresenta proprio l'obiettivo che l'azienda, in difficoltà dal punto di vista degli investimenti, vuole raggiungere con queste modifiche. Inoltre, cambia anche l'interfaccia del contatore: non viene più indicato il numero di caratteri rimanenti, ma un cerchietto si riempie man mano che vi avvicinate al limite. "Gente! Siamo riusciti a superare il limite di caratteri" si legge nel tweet.

Allo stesso tempo, l'espansione del limite dei caratteri rischia di sconvolgere la natura rapida e in tempo reale del social dai microblog, incoraggiando gli utenti a pubblicare paragrafi più espansivi in cui una volta avrebbero potuto pubblicare solo poche parole e un link.

Durante la fase di test, solo il 5% dei Tweet inviati erano più lunghi di 140 caratteri e solo il 2% sopra i 190 caratteri. I 280 caratteri non sono segnalati.

Oltre a twittare, le persone che avevano più spazio per i Tweet hanno ricevuto più partecipazione (piace, retweet, @mentions), hanno avuto più followers e hanno passato più tempo su Twitter.

Rendere più usabile Twitter potrebbe aiutare a raggiungere questi obiettivi, ma anche magari adottare dei nuovi e seri strumenti per ridurre gli abusi e le molestie online. "Non ci credete? Ecco la prova".

Questo, però, non è l'unico motivo che sta dietro l'ampliamento a #280caratteri.


Popolare

COLLEGARE