Tv, fiction: Zagaria chiede 100mila euro di danni

"Per interpretare Michele Zagaria mi sono ispirato anche al personaggio che in Il Camorrista di Tornatore era interpretato da un grandissimo Ben Gazzara, doppiato splendidamente da Mariano Rigillo", aveva spiegato l'attore di origini irpine Alessandro Preziosi, citando il suo riferimento artistico.

In una lettera al quotidiano Il Mattino, lo studio legale Sartoris Lettieri che difende la famiglia Zagaria, fa infatti sapere che la serie diretta da Giulio Manfredonia su sceneggiatura di Salvatore Basile e Francesco Arianch, contiene "inesattezze e falsità che i nostri assistiti hanno già evidenziato ai vertici della Lux Vide e della stessa Rai". Inoltre, sempre secondo quanto affermano gli avvocati, sono state trasmesse cose inventate per l'80% della serie. Non si può mandare in onda una fiction che offende la verità.

Le due società dovranno presentarsi il prossimo 28 novembre al Tribunale civile di Roma.

Come procederanno ora la casa produttrice Lux Vide e la stessa Rai?

Gli avvocati si domandano poi "fin dove si può spingere la finzione?".

Ma a fare un plauso alla fiction della Rai è Alessandra Clemente, assessore del Comune di Napoli e, soprattutto, figlia di Silvia Ruotolo: vittima di camorra, uccisa da proiettili vaganti esplosi da un commando criminale durante un raid per ammazzare un boss."E' mia intenzione esprimere la gioia e l'ammirazione provata per la fiction - ha scritto la Clemente in una lettera alla rai - è una pagina bella e interessante del servizio pubblico italiano, che abbiamo sentito alleato e a servizio della battaglia quotidiana di quell'esercito, invero numeroso, di "invisibili" che ha scelto, rispetto alla violenza dei proiettili e del malaffare, di rispondere con la forza della cultura e della consapevolezza, dell'informazione e dell'impegno quotidiano, dei modelli positivi e della denuncia dei falsi mit". La fiction non racconta certo le perversioni di un uomo, ma è centrata sulle tensioni tra bene e male dove, questa volta, il male è sconfitto e vince la giustizia.

La fiction Rai Sotto Copertura 2 - La cattura di Zagaria, conclusasi pochi giorni fa, ha riscosso un enorme successo di pubblico e critica. Per chi ha avuto modo di vedere le quattro puntate, nella fiction il boss Zagaria ha rivolto attenzioni sessuali alla figlia minorenne della famiglia che copriva come latitante in un bunker nella propria abitazione.


Popolare

COLLEGARE