Tari "gonfiata": si può chiedere il rimborso a partire dal 2014

Il ministero dell'Economia ha ribadito ieri l'orientamento manifestato nelle scorse settimane, attraverso una circolare che rafforza il concetto già espresso dal sottosegretario Baretta in occasione di un dibattito parlamentare.

"Con riferimento alle pertinenze dell'abitazione, è corretto computare la quota variabile una sola volta in relazione alla superficie totale dell'utenza domestica", ossia la somma dei metri quadri della casa. "Il chiarimento si è reso necessario a seguito del calcolo che alcuni Comuni hanno adottato, in base al quale la parte variabile della tassa è stata moltiplicata per il numero delle pertinenze". Ovvero la moltiplicazione della quota variabile della tassa sui rifiuti per il numero delle pertinenze, associate all'immobile. In questo modo si è addivenuti ad importi decisamente più elevati rispetto a quelli che sarebbero derivati applicando la quota variabile una sola volta. "Un diverso modus operandi da parte dei Comuni - sottolinea la circolare - non troverebbe alcun supporto normativo". "E facendo lievitare conseguentemente l'importo della Tari". Abbiamo sostenuto sin dal primo momento che le bollette della TARI, a Melfi, sono calcolate in maniera errata perché, come dice chiaramente il MEF, è "corretto computare la quota variabile una sola volta in relazione allasuperficie totale dell'utenza domestica". Il Mef precisa in particolare che "la quota fissa della tariffa per le utenze domestiche è determinata applicando alla superficie dell'alloggio e dei locali che ne costituiscono pertinenza le tariffe per unità di superficie parametrate al numero degli occupanti". Infine, il Mef invita i Comuni ad adeguarsi a questi criteri di calcolo e dà il via libera ai rimborsi.

Per chiedere il rimborso bisogna spedire una raccomandata con ricevuta di ritorno al Comune, "laddove il contribuente riscontri un errato computo della parte variabile effettuato dal comune o dal soggetto gestore del servizio rifiuti, lo stesso può richiedere il rimborso del relativo importo, solo relativamente alle annualità a partire dal 2014, anno in cui la TARI è stata istituita". E cioè dall'entrata in vigore della Tari.


Popolare

COLLEGARE