Pochesci duro con l'Italia: "La Svezia vale una squadra di Lega Pro"

"La Svezia ci ha menato!" E non si può giocare con la paura. Parliamo dell'attuale tecnico dell'Unicusano Ternana, Sandro Pochesci (in foto) il quale ha parlato anche e soprattutto della Nazionale vista ieri sera a Stoccolma contro la Svezia.

Di seguito le due dichiarazioni integrali, "tradotte" in italiano. Oltre che una squadra di profughi, ci siamo fatti menare. "Una volta - ha detto Pochesci - l'Italia menava e vinceva". A portare tutti gli stranieri in Italia è successo questo, non c' è più un italiano che mena. Siamo diventati tutti pariolini. [?] Il calcio italiano è finito: paleolini! Se la mia squadra giocasse con la paura vorrei che al mio posto arrivasse uno più coraggioso. Sembravamo pariolini. Abbiamo avuto paura.

"La forza me la da la gente girando per Terni.Mi dicono non ti arrendere, siamo nati per soffrire -ha detto ancora Pochesci " e po avverte " Io vi voglio bene a tutti quanti ma mo' comincio a tagliare le teste e tagliare le teste significa che vado diritto". Abbiamo perso con chi? Stiamo andando fuori dal Mondiale, perdiamo tutti, eh: perdete voi giornalisti, perdiamo noi addetti ai lavori, perde l'Italia. Il nostro calcio così è morto, bisogna cambiare le regole.

PRIMAVERA - "I settori giovanili sono pieni di stranieri, basta!" Ogni mese c'è un oriundo... "Vadano a prendere gli italiani nei campionati di serie B e C, date loro un'opportunità". "A me piace l'aria che c'è intorno alla squadra, quando ci meneranno per strada allora sarà il tempo di preoccuparci perchè vorrà dire che non ci stiamo impegnando abbastanza". Quando giochi con la paura, senza fare un tiro in porta...


Popolare

COLLEGARE