Italia, De Laurentiis attacca: "Tavecchio è il responsabile della disfatta"

Dettagli emersi dopo la mancata qualificazione dell'Italia al Mondiale, all'indomani del fallimento di Ventura e della squadra che non giocherà in Russia nel 2018 si cercano le motivazioni della disfatta e si invoca un cambiamento che possa far tornare grande la Nazionale che 11 anni fa sollevava la coppa al cielo di Berlino.

"È inutile convocare Insigne per poi per farlo star fuori o per schierarlo fuori ruolo". Mi auguro ci sia un cambio netto nel mondo del calcio. Non è da meno il patron del Napoli Aurelio De Laurentiis, il quale ai microfoni di Sky Sport ha chiaramente puntato il dito contro il suo ex allenatore per l'esclusione e per il mancato utilizzo di Lorenzo Insigne. "Nuovo Ct? Mi piacerebbe uno 35enne". E con lui anche il presidente del Coni dovrebbe dimettersi. Diventa una vetrina negativa anziché espositiva: "chi guarda queste partite in maniera superficiali potrebbe credere che i nostri calciatori abbiano un valore inferiore". I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti. Adesso chiediamo i danni alla Federcalcio? Poi un consiglio a Tavecchio: "Fossi in lui, mi dimetterei all'istante".


Popolare

COLLEGARE