Grillo irrompe a Palermo, su autonomia scontro con Lega

"Non posso che dire grazie alle migliaia di persone scese oggi in piazza per regalarci un sorriso!", scrive sul blog di Beppe Grillo il candidato M5S Giancarlo Cancelleri pubblicando la foto del comizio, molto seguito, di ieri in Piazza Università.

Giornata in giro a Palermo per Grillo, intercettato nella mattinata a Mondello nei pressi del ristorante Il Gabbiano da alcuni simpatizzanti che lo hanno riconosciuto, fermato e condiviso immagini sui social. Con lui, in alcune tappe della pedalata-show per il centro storico, anche Giampiero Trizzino, ex presidente della commissione ambiente e territorio dell'Ars e designato futuro assessore. Ha attraversato il quartiere della Kalsa, partendo dal complesso dello Spasimo, e raggiunto corso Vittorio Emanuele dopo avere pedalato lungo via Roma e piazza Rivoluzione. Anche per esorcizzare l'effetto che l'ultima grana, quella delle dimissioni "forzate" del capo di gabinetto della sindaca di Torino Chiara Appendino, può produrre sul voto siciliano. Argomento spinoso per i pentastellati che hanno imbastito una campagna elettorale sull'onestà in un continuo raffronto con Musumeci che ha a suo sostegno liste dove compaiono nomi di impresentabili e con cui Cancelleri combatte una battaglia all'ultimo voto. "Il mondo sta andando verso il decentramento. Forse, ma impariamo. Se i siciliani vogliono fare un piccolo salto nel futuro noi ci siamo", sottolinea Grillo arrivando ad Acitrezza, primo appuntamento del 'Grillo day in Sicilia'. Per poi attaccare frontalmente Salvini: "povero, sembra che venga a chiedere voti al Sud".

Utilizza quindi gli stessi temi di cui si fa portatore anche Salvini, che però gli risponde per le rime: "Non vorrei che i 5 Stelle usassero i siciliani come cavie umane, io non lo faccio".


Popolare

COLLEGARE