Napoli, 61enne uccisa a coltellate e sorella ferita: nipote in caserma

La vittima è una donna 61enne, mentre l'altra persona coinvolta è la sorella di 71 anni.

Quando ha visto sopraggiungere i carabinieri, De Liguori ha gettato l'arma in suo possesso ed è stato condotto in caserma.

L'uomo, come riporta ilmattino.it, era già noto alle forze dell'ordine e ora deve anche rispondere di porto abusivo di arma da taglio, evasione dagli arresti domiciliari e detenzione di cocaina. L., ritenuto il responsabile dell'uccisione della zia Rosa Vitagliano. Durante la perquisizione domiciliare i carabinieri hanno trovato una dose di sostanza stupefacente e dei biglietti manoscritti che saranno analizzati. Il 112 aveva ricevuto una segnalazione di una donna ferita all'interno della propria abitazione in via Botteghelle, nella zona periferica della città campana.

Dopo l'allarme, sul posto sono intervenuti i carabinieri che si sono messi subito all'inseguimento dell'omicida, fuggito intanto sui tetti e bloccato poco dopo dai militari. I militari sono riusciti a bloccarlo sul tetto di un palazzo a poca distanza dal tragico delitto. La sorella è ricoverata nell'ospedale Villa Betania ma non è in pericolo di vita (è stata colpita alla nuca). E' accaduto nella serata di ieri a Ponticelli dove Paolo De Liguori, 39enne pregiudicato, ha aggredito le sue zie per questioni economiche ferendo a morte, con un coltello, Rosa Vitagliano di 61 anni.


Popolare

COLLEGARE