Il futuro assessore M5S è un hater "Rosato, noi ti bruceremo vivo"

A scriverlo su Twitter non è il solito hater, ma un aspirante assessore della Regione Sicilia, Angelo Parisi. Anche lui, come tanti altri, quindi, sarà stato colto da stupore quando gli hanno detto di guardare su Twitter il profilo di Parisi. La difesa, insomma, continua a fare acqua da tutte le parti. Che, però, alla tastiera sembra trasformarsi. E perchè non l'ha scritta uno qualsiasi. Ma un signore a cui il candidato 5 stelle Cancelleri vuole far fare l'assessore ai rifiuti in caso di vittoria.

In attesa di una risposta dai vertici del MoVimento, parole di vicinanza sono infine arrivate anche da Forza Italia, per bocca di Licia Ronzulli, membro del comitato di presidenza di FI: "va bene che siamo in campagna elettorale, ma niente può giustificare la frase rivolta contro il capogruppo del Pd alla Camera" ha dichiarato la collaboratrice di Silvio Berlusconi. Insulti anche al volto del Tg1, che sottolinea alcune "convergenze parlamentari" tra M5s e Lega in Aula: "Giorgino sei un cretino - twitta Parisi nel corso della trasmissione -, il M5s ha votato come la Lega perchè sono all'opposizione". Per il capogruppo del PD alla Camera, si tratta di "violenza e meschinità, seppure sul web": "le elezioni si vincono e si perdono" ricorda, "ma quando si perde la dignità, allora è difficile". Insomma, un pezzo grosso del Movimento 5 Stelle che come il peggior Napalm 51 di Maurizio Crozza si improvvisa hater online, proponendo addirittura di dare fuoco al padre del Rosatellum. Oggi ha scelto di scusarsi pubblicamente in rete: "Quando sbaglio so riconoscerlo, per questo oggi sento di dover chiedere scusa per il mio Tweet". Non sono un hater, come in queste ore la stampa mi sta definendo, sono un cittadino che ha a cuore la democrazia e le istituzioni, cosi' come ho a cuore la mia terra, quella Sicilia che per troppi anni è stata nelle mani di persone che l'hanno distrutta.

Il candidato M5s Giancarlo Cancelleri è intervenuto per schierarsi a favore del suo assessore designato: "È incredibile".

"Quel linguaggio e quei toni - dice - non mi appartengono e mi dispiace essere andato oltre i limiti in un momento in cui sono prevalse la rabbia e l'amarezza per i modi e i tempi con cui il PD stava imponendo al Parlamento una nuova legge elettorale incostituzionale. Sono umano e ho sbagliato, ma non permetto a nessuno di strumentalizzare un mio errore per provare ad accostarmi agli impresentabili che affollano le liste di Nello Musumeci, né di mettere in dubbio la mia correttezza, la mia integrità morale e l'impegno che ho sempre dedicato alla mia Sicilia". È membro del comitato Cetri, organismo che si ispira alle idee di Jeremy Rifkin sul riutilizzo dei materiali e le politiche energetiche a basso impatto ambientale. "Per questo la mia solidarietà a Ettore ma soprattutto un abbraccio speciale a sua moglie e ai suoi figli".


Popolare

COLLEGARE