Chiesto l'ergastolo per Valentino Talluto il serial infettatore di Hiv

Attraverso rapporti sessuali non protetti ha trasmesso il virus dell'aids a molte #donne. E' la condanna chiesta dalla Procura di Roma al termine del processo che vede l'uomo accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime.

Ha chiesto la condanna all'ergastolo, con isolamento diurno per due anni, la Procura di Roma per Valentino Talluto, il sieropositivo accusato di aver contagiato con rapporti sessuali non protetti oltre trenta donne. "C'è la firma sotto questi contagi", ha detto il pm. Venti le donne "miracolate", come le ha definite in Assise la Pm Neri. "Il suo era un modo per seminare morte". L'infezione può essere mortale, si attacca al feto. È la sentenza del tribunale di Bobigny, alle porte di Parigi, nei confronti di un uomo considerato colpevole di aver consapevolmente contagiato la compagna di 37 anni. "Ci sono prove sufficienti dell'efferata sregolatezza di Talluto per sostenere quanto fosse pienamente consapevole che quando si ha l'Hiv si trasmette il virus se non si usano precauzioni". Il legale ha evidenziato come queste donne non abbiano più avuto una vita normale e come la loro vita di coppia è stata irrimediabilmente distrutta. "Voglio dire che questo non deve trasformarsi in un processo a queste ragazze, che sono state imprudenti, ma non hanno fatto nulla di illegale". Valentino T. sapeva di essere sieropositivo ma non avrebbe avvertito le sue amanti non con l'intento di infettarle ma commettendo una grave leggerezza. "Non ha mai mostrato alcun segno di pentimento - ha affermato il magistrato - ha reso dichiarazioni false ogni volta che è stato ascoltato" e non ha mai collaborato.


Popolare

COLLEGARE