US Open 2017 - Le dichiarazioni di Nadal e Anderson

"Sono state veramente due settimane speciali - le prime parole di Rafa Nadal raggiante dopo la vittoria agli Us Open- ma prima di tutto desidero congratularmi con Anderson: è un grande esempio per tanti bambini con il suo essere tornato più forte di prima dopo vari problemi fisici, per cui complimenti a lui e alla sua squadra, con il suo allenatore che ricordo di aver affrontato qualche anno fa a Wimbledon".

Kevin Anderson è il primo tennista sudafricano capace di raggiungere la finale degli US Open dal 1965: un'altra superficie, un'altra epoca, un'altra storia quella del predecessore Cliff Drysdale. Lo spagnolo n.1 al mondo ha dominato le 2 ore e mezza di gioco sul cemento di Flushing Meadows, vincendo la sua terza finale degli Us Open. La partita si è giocata di fatto solo sul servizio di Anderson: nei suoi turni di battuta Nadal è stato perfetto e non ha mai concesso alcunchè, mentre il povero sudafricano fin da subito ha dovuto penare per chiudere il suo servizio. E quando gli chiedono se a 36 anni si vede allo stesso livello dell'eterno rivale replica: "sicuramente non potrò fare quello che sta facendo Roger ma d'altronde a 26 anni non pensavo di fare quello che ho fatto io a 31". La stagione tennistica ha visto tornare al successo questi due grandi campioni che hanno anche approfittato delle debacle di Novack Djokovic e Andy Murray. Poi c'è stata la formalità della finale con Anderson. Come un vero e proprio cannibale, dopo essersi portato sul 2-0, Rafa strappa immediatamente il servizio al suo avversario nel game d'apertura del terzo set e non si volta più indietro fino al traguardo finale. Purtroppo è da qui che comincia il tracollo di Carreno Busta, infatti non riesce più a risollevarsi, concedendo il terzo set con un break nel quarto gioco con un 6-3, e anche il quarto con il punteggio di 6-4.

Ha iniziato lentamente il torneo lo spagnolo, che ha carburato in modo lento nel set d'esordio con Lajovic, poi ha perso un set con Taro Daniel e Leo Mayer.


Popolare

COLLEGARE