Terremoto 3.7 nella Marsica: scuole chiuse

Il terremoto è avvenuto alle 21.58 di ieri, 10 settembre 2017.

Sono stati tanti i terremoti che negli ultimi 5 giorni hanno colpito la nostra penisola, in particolare il Settentrione.

Per precauzione alcuni abitanti sono scesi in strada. L'Aquila e tutti i Comuni limitrofi non dimenticheranno mai il potente sisma del 2009.

Molte sono state comunque le telefonate registrate dai centralini dei vigili del fuoco che tengono la situazione sotto controllo.

Qualcuno ha anche deciso di trascorrere la notte fuori casa. Per il centro di calcolo EMSC la scossa avrebbe avuto il suo epicentro circa 20 chilometri a sudovest rispetto a L'Aquila, più precisamente fra i comuni di Borgorose e Tagliacozzo. Oggi, in tali centri, sarebbe dovuto iniziare l'anno scolastico.

Dall'Istituto di geofisica e vulcanologia (Ingv) fanno sapere che si tratta dell' "attivazione di una nuova struttura".

Una scossa sismica di magnitudo locale 3.9, con profondità 8 km, è stata registrata questa sera dall'Ingv nella zona di Scurcola Marsicana, in provincia de L'Aquila. Non risulterebbero per il momento danni a strutture o a persone. Le scuole sono sicure perché sono di nuova costruzione', ha asserito la Sindaca di Scurcola Marsicana.

Ad Avezzano invece, il sindaco, Gabriele De Angelis, ha comunicato di aver firmato 'un'ordinanza a scopo precauzionale, per la sospensione delle attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado per lunedi' 11 settembre, al fine di poter effettuare una immediata verifica degli edifici'. Decisione analoga è stata adottata dal sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio.


Popolare

COLLEGARE