Montella, l'analisi è peggio del 'delitto': l'ammissione incredibile dell'allenatore del Milan

"Il Milan merita 10 da parte mia, la dirigenza ha fatto il massimo in tempi brevissimi". Logico che una partita soltanto non possa gettare nella spazzatura le tante ambizioni e speranze che il nuovo corso milanista avevano prodotto con la sontuosa campagna acquisti sviluppata da Mirabelli e Fassone, ma è altrettanto palese che il Milan visto all'Olimpico ed organizzato da Montella non possa neanche lontanamente concorrere per le prime quattro posizioni del campionato. Tanto che Bonucci, pizzicato dalle telecamere dopo il triplice fischio, ha ripreso Immobile accusandolo probabilmente di avere 'umiliato' gli avversari come nell'occasione del tentativo di pallonetto da metà campo nel finale di gara. "Non si fa, non si fa così", ha ripetuto più volte Bonucci a Immobile che ha cercato di spiegarsi con il capitano del Milan.

Il faraonico mercato estivo sembra aver distratto la squadra.

Montella si esprime poi sulla condizione fisica della squadra e in particolare dei calciatori rientrati dalle nazionali: "Nel complesso direi che stiamo bene, purtroppo abbiamo perso Conti, è arrivato leggermente infortunato Gomez e abbiamo lasciato a casa anche lui". Dobbiamo imparare a essere polivalenti, a cambiare anche in corsa. Non lo ricordano tutti, forse, ma noi abbiamo già giocato a tre dietro con altri interpreti in Europa League Romagnoli c'era, è l'unico centrale difensivo mancino dei sei che abbiamo in rosa e sicuramente era già programmata la possibilità di riproporre la difesa a tre qualora ci fosse stata la possibilità di provarla in allenamento. La Lazio ha lasciato il pallino del gioco in mano alla squadra di Montella per poi ripartire in contropiede e affondare, in particolar modo sulla corsia sinistra, da dove è arrivato il 48% della produzione offensiva dei biancocelesti, complice anche la giornata da dimenticare del tandem Calabria-Kessié.


Popolare

COLLEGARE