Le star del football Usa in ginocchio contro Trump: "Licenziateci tutti"

Donald Trump mostra i muscoli a Pyongyang, col Pentagono che invia alcuni caccia bombardieri in volo al largo delle coste nordcoreane.

Si allarga a macchia d'olio la protesta del mondo dello sport statunitense contro il presidente Donald Trump.

Secondo alcuni osservatori, quella di Trump è una risposta a Ri Yong-ho, ministro degli Esteri nordcoreano, che qualche ora prima aveva confermato l'opzione al vaglio di Pyongyang di provare un altro test di bomba all'idrogeno nel Pacifico, come una delle "azioni di più alto livello" in opposizione agli Usa.

Il video è apparso dopo che dei bombardieri USA scortati da dei caccia hanno volato nello spazio aereo internazionale lungo i confini della Corea del Nord, i quali si sono avvicinati lungo la linea della zona demilitarizzata.

Anche Stevie Wonder in ginocchio contro Trump: è questa l'immagine che resterà di quest'edizione del Global Citizen Festival 2017, in scena sabato 23 settembre al Central Park di New York City. Se dovesse succedere qualcosa al nostro popolo le conseguenze saranno oltre ogni aspettativa. Nel suo intervento, durato circa 30 minuti il ministro ha detto che le sanzioni imposte dall'Onu al suo paese sono "ingiuste" specificando allo stesso tempo che è "assurdo" pensare che questo possano "fermare di un millimetro" il cammino della Corea del Nord verso la sua volontà di diventare un potenza nucleare. "Le parole del presidente Usa hanno reso ancora più inevitabile il lancio di un missile sul territorio americano", ha affermato Lee Yong Ho sul podio dell'Assemblea Generale Onu. La prima partita dopo le dichiarazioni di fuoco del presidente americano contro i giocatori che non cantano l'inno regala un'altra immagine da forte significato simbolico. A Wembley, dove domenica si è giocata la sfida tra Jacksonville Jaguars e Baltimore Ravens, durante l'inno molti giocatori si sono inginocchiati e sono rimasti in silenzio per protesta proprio contro Trump. In piedi, alle loro spalle, gli allenatori e i proprietari dei due team come gesto di solidarietà.


Popolare

COLLEGARE