Inter-Spal, le probabili formazioni: Dalbert dal 1′

Tre vittorie su tre per l'Inter di Luciano Spalletti che raggiunge la Juventus in testa alla classifica della Serie A TIM 2017/18. La rete è arrivata all'87' con un tiro al volo stupendo di Perisic che è stato bravo a raccogliere l'assist di Danilo D'Ambrosio. Tre punti pesanti, anche rispetto al confronto con la passata stagione: "L'anno scorso l'Inter ha patito le piccole, per questo siamo molto felici di quanto fatto". Quando c'è da spazzare si spazza senza fronzoli.

Magari non sono riusciti a farlo per 90 minuti.

88′ - Ultimo cambio nell'Inter con Eder che sostituisce Candreva.

46′ Miranda arriva di testa su un pallone calciato dall'angolo, la conclusione si perde sul fondo. Ancora Gagliardini ci prova da fuori area senza inquadrare lo specchio.

74′ - Traversa di Skriniar! Poi, è solo un monologo dell'Inter, che tenta di scardinare la difesa avversaria.

70′ - Problema all'inguine per Dalbert. In avanti giocano Borriello e Paloschi.

67′ Primo cambio anche per l'Inter: entra Brozovic, esce Joao Mario.

47′ Spal in contropiede con Paloschi che calcia a lato da ottima posizione. Spalletti aveva sfidato il croato a mostrare il suo valore, lui risponde da campione, sul campo, e manda in estasi i 60 mila di San Siro. Sulla trequarti spazio a Joao Mario.

Secondo tempo che comincia senza cambi e con il solito spartito: Inter all'arrembaggio e Spal arroccata davanti alla propria area di rigore.

47′ Cartellino giallo a Mora per proteste.

45+1′ - Alberto Paloschi ad un passo dal gol!

79′ Molti gli errori dei giocatori nerazzurri in questo finale di partita, la Spal però non sembra sfruttare al meglio le occasioni.

45′ L'arbitro da due minuti di recupero.

35′ - Che parata di Gomis!

Dal dischetto si appresta Mauro Icardi che spiazza Gomis: è 1-0. E ha deciso per il calcio di rigore (decisione giusta). Punizione da zona interessante a favore dell'Inter. Per l'ex tecnico della Roma problemi di voce. Spinge anche la Spal nelle parti di Handanovič con due calci d'angolo consecutivi e azioni pericolose.

5′ - Gagliardini lascia partire un buon destro dal limite dell'area ma non inquadra la porta!

"Il pericolo e' sottovalutare la partita ma noi non lo faremo". Il giocatore che fa 25 gol, deve però portare il risultato alla squadra. Si gioca al Meazza dalle 12.30! Il primo segnale è stato quell'Handanovic imbattuto all'esordio contro la Fiorentina, gara con cui i nerazzurri hanno interrotto una striscia di 13 partite di fila con sempre almeno un gol subìto: 25 in tutto, per la precisione (praticamente 2 a partita in media), che fruttarono ben 7 sconfitte.

Arbitro: Claudio Gavillucci della sezione di Latina. I suoi collaboratori saranno i guardalinee Luca Mondin della sezione di Treviso e Giorgio Schenone della sezione di Genova, il quarto uomo Davide Ghersini anch'egli della sezione di Genova, e i due addetti Var Paolo Silvio Mazzoleni della sezione di Bergamo e Antonio Giua della sezione di Olbia. Addetti al VAR Mazzoleni e Giua.


Popolare

COLLEGARE