Udine cadavere fidanzata in auto, 34enne si costituisce: "L'ho uccisa io"

Avrebbe confessato di aver strangolato la propria fidanzata Francesco Mazzega, 34 anni, l'uomo che questa mattina si è presentato al Comando della Polizia stradale di Palmanova (Udine) con il cadavere della ragazza di 21 anni a bordo della proprio automobile.

L'uomo avrebbe ucciso la ragazza ieri nei pressi di Lignano Sabbiadoro e poi col cadavere in auto ha girovagato nella notte.

Oltre che fidanzati, i due erano anche i colleghi di lavoro nell'azienda Lima di San Daniele del Friuli, in provincia di Udine, una ditta specializzata in protesi ortopedica e nella mattinata di ieri si sarebbero dovuti presentare alle 9:00 al lavoro, ma per Nadia era già scattato l'allarme nella notte quando i genitori preoccupati di non averla vista rincasare avevano segnalato la scomparsa alle forze dell'ordine.

Un trentenne ha confessato l'omicidio della fidanzata alla Polstrada di Palmanova (Udine), dove si è recato in auto. E poi ha concluso: "Mi vergogno troppo di ciò che ho fatto". Pare avessero litigato qualche giorno prima e lui, ieri sera, l'aveva raggiunta a casa convincendola a salire in auto per fare la pace. I genitori erano in ferie in montagna e sono rientrati non appena appresa la notizia di quanto era accaduto. "È un bravissimo ragazzo, tranquillissimo, laureato, non ha mai dato un problema - ha raccontato la zia di Francesco - È una cosa inspiegabile". L'operaio abita a Spilimbergo, in provincia di Pordenone, dal 2014, dove si era trasferito da Muzzana del Turgnano (Udine). Avevo conosciuto anche la ragazza, ce l'aveva presentata, erano felici. "La mia vita non ha più senso senza Nadia". "Nemmeno si sentisse un simile epilogo". Nadia Orlando era molto amata in paese e si prodigava per la comunità di Dugnano, dove lavorava molto per la parrocchia. Durante l'interrogatorio, secondo quelle che sono le indiscrezioni arrivate alla stampa, l'assassino di Nadia si sarebbe sentito male. Quando dalla sede di lavoro della coppia è stata confermata la contemporanea assenza dei due, il dubbio è diventato realtà senza che comunque si pensasse ancora a un delitto, ma piuttosto a un incidente.


Popolare

COLLEGARE