Paltrinieri: "Oro 800 sl? Quella a cui ci tenevo di più"

E' la terza medaglia d'oro per il nuoto italiano in questa manifestazione iridata dopo quella conquistata da Federica Pellegrini nei 200 stile e da Gabriele Detti negli 800 stile. Oro mondiale bis dopo quello due anni fa a Kazan, olimpionico a Rio, primatista europeo: insomma il leader indiscusso, come ha ricordato il Greg nazionale nel suo show fuori dall'acqua.

Il bronzo è andato all'australiano Mack Horton, terzo con un distacco di oltre dieci secondi. Sebastian Vettel ha vinto la gara sul circuito dell'Hungaroring, vicino a Budapest, precedendo la Rossa del compagno di scuderia Kimi Raikkonen.

Il re dei 1500 stile libero è sempre lui, Gregorio Paltrinieri.

"La sconfiotta negli 800 metroi pesava, non volevo fare un'altra gara brutta". "Mi vengono meglio e io ho provato a scrollarmi subito di dosso Romanchuk senza riuscirci, ma poi l'ho battuto d'intellugenza evitando lo sprint finale", racconta Greg. Non sapevo quanto potesse nuotare Romanchuk, è stato bravo, mi ha tenuto testa tutta la gara, si è allenato al centro federale di Ostia molti mesi lo scorso anno. L'esultanza finale? Avevo solo voglia di gridare. "Non stavo pensando a niente in particolare". "Tireremo le somme domani", ha affermato invece Detti. "Sono arrivato alla frutta - dice -. Avrei bisogno di un paio di giorni di riposo ma non ce li ho perché dopodomnani sono in gara in Coppa del Mondo", racconta il toscano dell'Esercito - SMGM Team Nuoto Lombardia.


Popolare

COLLEGARE