Google, un ingegnere ha scritto un manifesto "anti-diversità"

"La distribuzione di preferenze e abilità tra uomini e donne è diversa, in parte a causa di fattori biologici". Lo scandalo dell'email sessista è stato usato dai media conservatori come Breibart per attaccare Google, accusata di dare più importanza a quello che è più corretto politicamente rispetto alla libertà di espressione. Google è, inoltre, impegnata in una controversia legale con il Dipartimento del Lavoro, che ha accusato il colosso di Mountain View di "disparità di compensazione sistemica" tra uomini e donne, laddove queste ultime vanivano pagate meno degli uomini in mansioni paragonabili. Il vice presidente dell'ufficio di Google che si occupa di diversità e integrazione, Danielle Brown, ha sottolineato che nel saggio scritto dal tecnico sono stati fatti assunti di genere errati che esprimono un punto di vista che l'azienda non vuole promuovere o incoraggiare.

Nella mail dal nome "Google's ideological echo chambers", diventata virale in azienda, il senior software engineer parla della naturale predisposizione degli uomini che sarebbero in grado di diventare programmatori migliori. Secondo l'autore, Google non dovrebbe sviluppare appositamente programmi per aumentare l'inclusione sociale, poichè i lavori dovrebbero essere offerti ai candidati a seconda delle loro diversità ideologiche e biologiche. Tuttavia le sue posizioni hanno aperto un dibattito che finora era stato sottostimato.

La tesi di Damore oltretutto è supportata dall'interessante documentario novergese "Brainwashing - The gender equality paradox" (al link sottotitolato in italiano), che in sostanza evidenzia come la parità tra i sessi non ha niente a che vedere con la parità di genere, che appunto rimane solo una teoria. Tutto inutile, tanto ci sarebbero lavori che vanno bene per gli uomini e lavori che vanno bene per le donne. "Ma questo discorso deve lavorare accanto ai 'principi di uguaglianza' espressi dal codice di condotta dell'azienda, volti a politiche e leggi anti-discriminazione".


Popolare

COLLEGARE