Sky, dal primo ottobre l'abbonamento costa di più

Brutte notizie sono in arrivo per te. Dal primo ottobre infatti sarà introdotta la fatturazione ogni 4 settimane, come molti operatori telefonici già hanno fatto, anzinché allo scadere del mese. In sostanza, l'addebito dell'abbonamento verrà effettuato ogni 28 giorni, anziché ogni 30, prevedendo in capo agli utenti un aumento dei costi pari a circa l'8% e a conti fatti, la corresponsione, alla fine dell'anno, di una mensilità in più. Saranno per il momento esclusi quindi abbonamenti su cui operano delle promozioni, il cui pagamento continuerà a seguire una cadenza mensile fino all'esaurimento della promozione stessa.

Come specificato nelle condizioni generali di Abbonamento Sky via ADSL/Fibra di TIM (punti 1.5): "resta inteso che i Servizi TIM ed i Servizi Sky vengono erogati in modo autonomo ed indipendente rispettivamente dalla società Telecom Italia S.p.A. e dalla società Sky Italia S.r.l. sulla base delle rispettive Condizioni Generali di Contratto.". In caso di fatturazione bimestrale, l'attuale costo dell'abbonamento sarà calcolato e fatturato ogni 8 settimane, con un conseguente incremento del costo dell'abbonamento pari all'8,6% su base annua. Alla fine del periodo di promozione l'offerta rientrerà nella modalità dell'abbonamento con fatturazione ogni 4 settimane.

Per me tutto questo è assurdo. Sky ricorda anche che: il listino Sky è rimasto immutato dal 2012 a oggi, a eccezione dei soli adeguamenti di 0,90 €/cent per Sky Tv e di 1€ per Sky HD nel corso del 2015, e in più dal 1° luglio 2017, Sky Box Sets è incluso nell'abbonamento per tutti i clienti Sky, senza più alcun costo rispetto ai precedenti 5€ al mese. Cosa fa AGCOM? Perché non interviene a tutelare i clienti? Dato questo cambio del contratto, Sky ha anche detto di aver reso più facili da consultare i documenti relativi alle condizioni di abbonamento, creando una pagina informativa apposta.

Seguici su Telegram per ricevere in tempo reale tutte le news e offerte esclusive!


Popolare

COLLEGARE