Autostrada A18 chiusa in entrambe le direzioni per fumo e incidenti

La A18 è rimasta chiusa al transito tra le 15 e le 17.30.

Non si ferma l'emergenza incendi a Messina, dove anche oggi 14 roghi sulle colline circostanti hanno reso l'aria irrespirabile nella citta', su cui si e' abbattuta una pioggia di cenere.

Purtroppo l'attività degli incendi è ripresa e l'Ateneo ha deciso di sgomberare la zona a cominciare dalla Facoltà di Veterinaria che sui trova a monte.

L'incendio è quello scoppiato nella zona di Mili San Pietro intorno alle 13,30. I roghi hanno danneggiato diverse centraline dell'Enel che alimentano gli impianti di sollevamento di Amam che consentono ai serbatoi di riempirsi, per poter distribuire l'acqua in rete almeno per un paio d'ore.

Fino al calar del sole due canadair hanno operato con il supporto a terra di dieci squadre del vigili del fuoco.

Da un fronte all'altro, nel pomeriggio, a causa dell'avanzare delle fiamme e della nube di fumo, si e' provveduto ad evacuare i Dipartimenti del Polo Annunziata e la Cittadella sportiva di Messina. La sua è una forte denuncia: "L'autocombustione non esiste - ha tuonato il primo cittadino - abbiamo la certezza che dietro questi atti ci sia la mano dell'uomo, che causa danni irreparabili e rischi incalcolabili".

Il fumo denso ed acre provocato dal rogo, che ha raggiunto il cimitero, ha invaso le strade del capoluogo e sta causando numerosi disagi. Fiamme sono divampate anche in contrada Baglio, e nei rioni Minissale e San Filippo.


Popolare

COLLEGARE