MotoGp, boom Dovizioso: è terzo nelle quote per il titolo

E' Andrea Dovizioso l'uomo del momento nel Motomondiale. E lo hanno fatto proprio nella gara di casa, quella del Mugello, vinta dal centauro romagnolo in sella alla sua Ducati. Perchè interpretare il comportamento delle gomme Michelin in questo fine settimana era un terno al lotto. Come ha spiegato il direttore sportivo della Ducati Paolo Ciabatti alla trasmissione "Tutti Convocati" su Radio 24, "Michelin ci dà le gomme che dà a tutti gli altri e devo dire che nella seconda sessione di prove di sabato, che noi chiamiamo la FP4, la free practice 4, che dura 30 minuti, Dovizioso è stato l'unico a uscire con un pneumatico posteriore medio usato, molto usato, e a fare tutta la sessione per provare a capire quali prestazioni si potevano fare con una gomma che aveva quasi una ventina di giri". Prima si diceva che Andrea non credesse in sé stesso. Marquez, incappato in una serie di scivolate nel weekend, "ha fatto una bella gara - ha proseguito il ds -".

Marc Marquez, secondo ieri al Gran Premio di Catalogna, ha chiuso al comando della classifica dei tempi. Ciabatti elogia la professionalità di Dovizioso: "Ha fatto un grande lavoro questo inverno, non solo di preparazione fisica, ma anche di preparazione psicologica". Vincere aiuta a vincere, dà fiducia, carica l'ambiente e può essere il traino giusto pure per Jorge, che sulla scia dei successi del forlivese può avere la scossa per accelerare il suo processo di ambientamento.

Poi ha argomentato la sua teoria: "Non ci nascondiamo perché siamo a sette punti da Vinales e senza l'incidente in cui Espargaro in Argentina ha buttato a terra Dovizioso, saremmo in testa al Mondiale, questa è la verità".

PUNTI PREZIOSI - "Ci aspettavamo che sarebbe stata una gara particolarmente difficile per noi", dice il Team Director Massimo Meregalli."Sappiamo che in circostanze come quelle di questo GP - caldo e asfalto con poco grip - la nostra moto non è competitiva come nelle altre piste". Bisogna credere in questa possibilità. Lorenzo ha parlato anche della sua performance:"Parlando della mia gara sono soddisfatto, vista anche la prima fila di ieri, anche se non sono riuscito a restare con i primi nonostante avessi un passo simile a loro, specialmente Dani; Marquez mi ha sorpreso, dato che ha mostrato un passo migliore di quanto mi aspettassi", ha affermato. "Non pensare al mondiale sarebbe un errore".


Popolare

COLLEGARE