Ius soli: tensioni sit-in Fn e CasaPound

Durante la bagarre anche la ministra Valeria Fedeli, seduta ai banchi del governo, si è fatta male ad un braccio cadendo su una ringhiera, tanto che è dovuta ricorrere alle cure dell'infermeria.

Ad avere la peggio Valeria Fedeli, ministro dell'Istruzione, rimasta contusa nel trambusto che si è scatenato in aula.

La protesta è partita dai senatori della Lega Nord.

Ma cosa prevede lo Ius soli? Nella legislazione italiana, si distingue tra lo Ius soli e lo Ius sanguinis.

Il segretario Pd Matteo Renzi ha preferito invece sentirla direttamente al telefono. Il capogruppo della Lega al Senato, Gian Marco Centinaio, racconta come sono cominciati i disordini nell'Aula di Palazzo Madama: "Nel momento in cui non mi hanno lasciato parlare abbiamo occupato i banchi del governo e io sono stato portato via per ultimo perché ho resistito come a Fort Alamo". Ma a sorpresa, è proprio il suo collega di partito, calderoli, che fa notare al presidente l'irregolare circostanza della continuità dei lavori parlamentari, con un espulso in Aula. L'occasione è di quelle importanti, almeno stando alla situazione che si sta registrando sulla scarsa crescita della popolazione italiana che viene sempre più mitigata dal largo numero di stranieri che riescono ad ottenere la piena cittadinanza nel nostro Paese. "Le chiedo di ristabilire l'ordine sospendendo l'Aula". Grasso ha così ribattuto: "il senatore Volpi risponderà in sede opportuna di quello che ha commesso e revoco l'espulsione". A seguito delle varie cadute, una sedia avrebbe urtato contro la ministra Fedeli.

Roma, 15 giu (Prima Pagina News) Circa 200 aderenti al movimento politico Casapound, in presidio regolarmente avvisato in Piazza delle Cinque Lune, hanno tentato di forzare lo sbarramento delle forze dellordine per raggiungere la sede del Senato. Le forze dell'ordine hanno usato anche l'idrante.

SIT-IN CASAPOUND - Mentre in Senato reganava il caos, fuori ci sono state tensioni nel sit-in organizzato da CasaPound.

Ius soli, bagarre in Senato.


Popolare

COLLEGARE