Incendio Eco X, Lorenzin: "Non c'è amianto" e la Asl: bonificate tutto

"452 quater del Codice Penale" infomano in un comunicato dall'associazione dei consumatori.

A darne notizia l'Amministrazione comunale di Aprilia che ha diffuso la nota della Regione Lazio. Intanto la Regione Lazio, riportando le analisi dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana, ha fatto sapere che non c'è presenza di idrocarburi negli ortaggi provenienti dalla zona del rogo. "Sono tutte paure fuori luogo, come titola il mio libro uscito ieri", un'opera che va al fondo delle paure collettive verso "le catastrofi naturali che - si legge nella presentazione - non esistono, esistono gli eventi naturali che trasformiamo in tragedia, spesso grazie al linguaggio iperbolico dei media". "L'Agenzia - ha proseguito la ministra - ha peraltro sottolineato che questi valori risultano analoghi a quelli registrati nel centro di Roma nei periodi invernali di particolare criticità". Fortunatamente, diciamo che non è stata rivelata presenza di fibre di amianto nell'aria: questo è un dato estremamente positivo per la cittadinanza. I dati sulla diossina, ha detto il ministro riferendo le comunicazioni dell'Arpa, "saranno disponibile da domani in quanto richiedono tempi di analisi maggiori" rispetto agli altri inquinanti monitorati. Adesso "verranno attivate le procedure per la rimozione dei rifiuti e gli operatori verranno messi in sicurezza".

Restano comunque in vigore le ordinanze che vietano l'uso, il consumo e la coltivazione di prodotti nel raggio di cinque chilometri dall'area dell'incendio. Sono pertanto in evoluzione i piani di monitoraggio di Asl e Arpa al fine di valutare l'impatto delle emissioni nell'aria e sul suolo e si prevede che nella giornata di venerdì 12 maggio possano pervenire alcuni dati significativi. È evidente che le preoccupazioni rimangono, da persone responsabili; credo rimangano anche a lei, da Ministro responsabile, preoccupazioni su una vicenda che ha ancora degli elementi di incertezza. Secondo il sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, si tratta di dati che ancora non trovano conferma.

Quindi, noi auspichiamo innanzitutto la massima informazione e, appunto, l'applicazione di quel principio di prevenzione, nel momento in cui abbiamo a che fare con la salute dei cittadini.


Popolare

COLLEGARE