Milan, Yonghong Li: "I tifosi vogliono tornare sul tetto del mondo"

Pertanto, questo pomeriggio, durante l'Assemblea dei Soci del Milan, si provvederà a deliberare il nuovo Consiglio d'Amministrazione del club rossonero ed ovviamente si procederà, subito dopo, alla nomina del nuovo Presidente dell'Ac Milan che dovrebbe essere, naturalmente, lo stesso magnate Yonghong Li.

Ebbene sì, la telenovella infinita che ha visto protagonisti l'Associazione Calcio Milan e la sua cessione da parte di Silvio Berlusconi ai tanti acquirenti cinesi che si sono susseguiti in questi anni ha finalmente trovato una fine.

Berlusconi ha lasciato con tanta tristezza, ma conscio del fatto che di più non avrebbe potuto fare. Queste le contraddizioni dell'addio di Adriano Galliani dopo 31 anni di Milan. Le televisioni e i principali quotidiani cinesi hanno dato grande spazio all'affare da 740 milioni di euro, definito "il più grande investimento cinese in un club europeo". È una persona che stimo molto, ha guidato il Milan e ha vinto tantissimo, facendo emozionare milioni di tifosi in tutto il mondo.

Conclusa la lunga trattativa, adesso bisogna capire quale sarà il futuro dei rossoneri, i fondi versati per l'acquisizione del club, infatti, provengono da finanziarie e permangono seri dubbi sull'effettiva liquidità della cordata cinese, della quale si conosce veramente poco. Benchè da settimane non si parli di altro, anche adesso che la vendita è ufficiale, l'investitore cinese a capo della Società Rossoneri Sport Investment Lux risulta un personaggio alquanto misterioso. Il suo ciclo, davvero esaltante, è cominciato il 20 febbraio del 1986, allorché l'imprenditore milanese rilevò il club rossonero, sull'orlo del fallimento, alla "modica cifra" di quei tempi di sei miliardi di lire, dalle mani del presidente Giusy Farina e si è concluso ieri alle 14. "Non potrò mai dimenticare le emozioni che il Milan ha saputo regalarmi e regalare a tutti noi". Senza di loro, il nostro Milan vincente non sarebbe esistito e non esisterebbe. Noi che abbiamo vinto tanto, dobbiamo altrettanto a questa società, che si è dimostrata un giorno davanti a tutte. L'ultima grande immagine che resterà impressa nei cuori dei tifosi del Milan è la Supercoppa Italiana vinta lo scorso dicembre a Doha, contro la Juventus.

"Se oggi lascio ogni carica operativa e rappresentativa, rimarrò sempre il primo tifoso del Milan, la squadra che mio padre mi insegnò ad amare da bambino, il sogno che abbiamo realizzato insieme. Ai nuovi responsabili rivolgo l'voto oltre amichevole e intenso a causa di coronare traguardi di più oltre straordinari a causa di quelli ottenuti a motivo di ". afferma Silvio Berlusconi al momento opportuno della rinuncia del Milan.


Popolare

COLLEGARE