Cuore più a rischio con i capelli bianchi

Un team di ricercatori egiziani dell'Università del Cairo ha scoperto un legame tra il numero di capelli bianchi posseduti e l'aumento del rischio di sviluppare patologie cardiache, indipendentemente dall'età anagrafica.

Certo siamo abituati a considerare i capelli bianchi solo un sintomo d'invecchiamento, quantunque a volte possa essere più precoce del solito.

Lo studio è stato presentato a Malaga nel corso di EuroPrevent 2017, conferenza della Società Europea di Cardiologia. Lo scopo era di raccogliere dati sui classici fattori di rischio cardiovascolare fra gli uomini, ovvero l'ipertensione, il diabete, il e la storia familiare relativa alle malattie coronariche.

L'aterosclerosi e l'ingrigimento della chioma condividono meccanismi simili come la compromissione della capacità di riparazione del Dna, stress ossidativo, infiammazione, cambiamenti ormonali e invecchiamento delle cellule.

Leggo Spalletti: "Scudetto? Dobbiamo crederci"
Però io ho comunque le mie possibilità di sostituire dei giocatori forti e di avere lo stesso risultato. Non siamo al livello della Juventus , che ne ha molti, perché a quel livello lì diventa difficile.

LO STUDIO Lo studio condotto in Egitto è di tipo osservazionale, focalizzato su 545 uomini adulti, che sono stati sottoposti a una tomografia computerizzata (CT) per una sospetta malattia coronarica. Da questo sono partiti gli autori del lavoro, per valutare la prevalenza di capelli grigi nei pazienti con malattia coronarica e per capire se l'essere brizzolati rappresentasse appunto un fattore indipendente di rischio cardiovascolare. La valutazione dell'ingrigimento si è basata sul ' whitening score' che vede 5 gradi a cui fare riferimento: 1 solo capelli scuri, 2 capelli scuri prevalenti, 3 capelli scuri e capelli bianchi uguale quantità, 4 capelli bianchi prevalenti, 5 solo capelli bianchi. Sì è così notato che i soggetti di livello 3, o superiore, presentavano rischi di ostruzione arteriosa più elevati degli altri, nonché un maggior grado di calcificazione coronarica.

"L'aterosclerosi e l'incanutimento seguono percorsi biologici simili e l'incidenza di entrambi aumenta con l'età", ha indicato la dottoressa Samuel.

Dietro al fascino del brizzolato potrebbe nascondersi un'insidia per il cuore: gli uomini che "imbiancano" precocemente sarebbero più a rischio di patologie coronariche.

Collegati. Un alto grado di capelli bianchi - dal terzo "stadio" (metà e metà) in poi - è risultato associato a un più alto rischio di malattie coronariche, a prescindere dall'età anagrafica e dagli altri fattori di rischio. "I nostri risultati suggeriscono che, indipendentemente dall'età anagrafica, l'ingrigimento dei capelli è un indicatore dell'età biologica e potrebbe rappresentare un segnale di avvertimento dell'aumento del rischio cardiovascolare".


Popolare

COLLEGARE