Tensione Turchia-Germania, Erdogan: "Aiutano i terroristi"

In un intervento tenuto a Istanbul per le commemorazioni del 102° anniversario della campagna di Gallipoli nella Prima Guerra mondiale, Recep Tayyip Erdogan ha accusato ancora una volta Angela Merkel di sostenere i terroristi, riferendosi al caso del giornalista turco-tedesco della Die Welt, Deniz Yucel, in carcere in Turchia. Infatti, dopo i recenti scontri tra il presidente turco Erdogan e il governo olandese, che ha portato alla chiusura dei rapporti diplomatici tra i due Paesi, ora è il turno della Germania.

Si sono schierati contro la riforma voluta da Erdogan, che prevede maggiori poteri per il presidente della repubblica e che sarà sottoposta a referendum il prossimo 16 aprile. Un affronto che Erdogan non intende lasciar passare. Circa 30.000 dimostranti filo-curdi hanno manifestato nella città tedesca per il "no" alla consultazione e molti hanno esposto simboli del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk), dichiarato fuorilegge dalle autorità turche. Le autorità tedesche hanno spiegato che le bandiere non erano autorizzate e che non si è intervenuti per non provocare incidenti, ma ai turchi non è bastato.

Secondo il portavoce della presidenza turca, Ibrahim Kalin, "con il pretesto del Newroz, la festa della primavera curda che si celebra il 21 marzo, i manifestanti hanno mostrato bandiere e cartelloni di un'organizzazione terrorista in un meeting 'per la libertà e contro la dittatura".

Starsky e Hutch, l'amicizia quarantennale che commuove il web
I due protagonisti, da come si evince dalla foto, sono rimasti molti amici, quasi fratelli si dichiarano loro. Soul, sposato con la quinta moglie Helen Snell, attualmente vive a Londra.

Kalim ha accusato, inoltre, Berlino di aver appoggiato la rete del religioso in autoesilio negli Usa Fethullah Gulen, che Ankara considera responsabile del colpo di stato fallito del 15 luglio scorso.

"Bisogna dire chiaramente a Erdogan che così non va".

La situazione resta critica anche con la Danimarca, dove il ministro degli Esteri danese, Anders Samuelsen, ha convocato l'ambasciatore turco per parlare delle minacce rivolte ad alcuni turco-danesi che sarebbero state rivelate da un articolo del Berlingske, che riferisce di minacce di denuncia per "alto tradimento" o di vedere le loro famiglie inquisite in patria.


Popolare

COLLEGARE