Lega B, Lotito candidato alla presidenza. Ma lui non conferma

Consiglio dal quale rischia di uscire contro la sua volontà.

Dopo la rielezione di Carlo Tavecchio alla presidenza della FIGC, la "politica del pallone" è in fermento visto che bisogna eleggere anche i presidenti di Lega A e Lega B. Se nella massima serie ancora non c'è un accordo sul nuovo presidente, tra i cadetti c'è una candidatura forte che tutti vogliono contrastare: quella di Claudio Lotito. Nelle ultime ore è scattata la controffensiva degli oppositori del numero uno della Lazio, guidati dal presidente del Frosinone Stirpe. A proposito della candidatura di Lotito, il presidente del Bari Cosmo Antonio Giancaspro, mentre si allontanava da via Rosellini ha commentato: "Ho assistito a un intervento di Lotito".

Il 25 marzo le votazioni: al termine del Consiglio, si rafforza la posizione del presidente della Lazio e azionista della Salernitana. Intanto Lotito avanza, è lui al momento il singolo candidato per guidare la nuova Serie B. DA un lato le grandi hanno tolto potere all'Assemblea. La cancellazione della Mutualità CPI infatti va ad intaccare gli equilibri economico-finanziari dei club con la prospettiva di un crack di mezzo campionato cadetto che mette i brividi soltanto ad immaginarlo.


Popolare

COLLEGARE