Terremoto: Curcio, "Temiamo un bilancio peggiore dell'Aquila"

Sono state oltre 500, 240 delle quali avvenute dalla mezzanotte scorsa, le repliche registrate a partire dalla prima scossa del terremoto di magnitudo 6,0 nel reatino, avvenuta alla 3:36 del 24 agosto. Così il capo dei vigili del fuoco, prefetto Bruno Frattasi, parlando dalla sede della Protezione civile a Roma.

"Attivata fin dalle prime ore di stamane la sezione di Protezione Civile pugliese". Facebook ha attivato la funzione per comunicare ai propri amici le proprie condizioni: #terremoto.

Se il numero delle vittime supererà quello dell'Aquila? Al momento si lavora sul soccorso. Se accadrà non saremo sorpresi.

Gli sfollati, calcolati approssimativamente in 1500 persone, hanno passato la notte nelle tendopoli allestite dai soccorritori o nelle auto, poco lontano dalle loro abitazioni. "Gli edifici ricostruiti con i criteri antisismici dopo i terremoti del 1979 e del 1997 hanno retto alle scosse della notte". Mentre "il campanile di San Benedetto di Norcia è ruotato come nel terremoto del 1979, ma non è crollato".

Il bilancio delle vittime del terremoto, purtroppo ancora provvisorio, è di 241 morti. Ambulanze si sono dirette verso la zona rossa.

Danni - "Ad Amatrice metà paese non c'è più ha spiegato il sindaco Sergio Pirozzi - le strade di accesso sono bloccate e l'ospedale è inagibile". I feriti ospedalizzati sono 264, ma accanto a questi ci sono feriti che non sono ricoverati in ospedale e che fanno cambiare questo numero.

Durante tutta la giornata di ieri sono arrivati i soccorsi da tutto il Paese. A Pescara del Tronto, una frazione vicina ad Arquata due bimbi sono stati estratti vivi dalla macerie.

"L'Aquila è un capoluogo di regione, qui la popolazione è più diffusa quindi è possibile un impatto meno gravoso in termini di vite umane".


Popolare

COLLEGARE