Enel: in arrivo il nuovo contatore in 32 milioni di case

Lo smart Meter di seconda generazione è stato presentato oggi alla Triennale di Milano da Livio Gallo, direttore Divisione Globale Infrastrutture e Reti Enel e da Michele De Lucchi, uno dei più affermati architetti e designer in Italia, ideatore, 15 anni fa, del primo contatore elettronico di Enel e oggi anche di quello di seconda generazione. Il nuovo smart meter, risultato di un percorso che tiene conto dell'evoluzione tecnologica nel campo della misura e della telegestione, potrebbe essere installato a Perugia entro la fine del 2016, parallelamente ai lavori di Enel Open Fiber che cablerà la fibra ottica nell'80 per cento della abitazioni del capoluogo entro i prossimi 18 mesi.

Tra le caratteristiche innovative il cambio di fornitura piu' veloce, la rilevazione dei dati ogni 15 minuti per avere un quadro aggiornato dei prelievi di energia giornalieri e dei comportamenti di consumo dei clienti, l'utilizzo del contatore come sensore di rete, il supporto alla ricerca dei guasti.

Il nuovo contatore è a modello "aperto e pubblico" e sarà possibile connetterlo con cellulari e strumenti di domotica: accendere il riscaldamento, fare partire la lavatrice, spegnere il forno e via dicendo, diventeranno dunque più facili.

Il nuovo contatore permette di ridurre i tempi di passaggio da un fornitore all'altro, supera la vecchia suddivisione in fasce orarie predefinite (F1, F2, F3), e permette di conoscere con precisione i consumi effettivi, consentendo quindi da un lato a Enel di sviluppare offerte in linea con le reali necessità dei vari utenti e dall'altro agli utenti stessi di tenere sotto controllo i propri consumi.

INVESTIMENTO: Livio Gallo ha parlato di complessivi "2,5 miliardi di euro". Eccoli elencati alcuni ma per quelli a valore aggiunto tutto è top secret ancora. Oltre alle funzionalità tecniche è fondamentale la sua forza simbolica. Si tratta pur sempre di "oggetti che devono vivere per tanto tempo".


Popolare

COLLEGARE