Uccisa e fatta a pezzi: fermato il compagno albanese e un nipote

VERONA Due persone sono state fermate per l'omicidio di Khadija Bencheick, la donna marocchina di 46 anni uccisa, fatta a pezzi e trovata in un campo a Valeggio la sera dello scorso 30 dicembre. Lo riferisce il quotidiano L'Arena e la circostanza è stata confermata da fonti investigative dei Carabinieri. Si tratta di Agim Ajdinaj, che conviveva a Verona con la donna, e di Lisand Ruzhdija, uno studente.

Su provvedimento del pubblico ministero, Giovanni Pietro Pascucci due uomini di nazionalità albanese sono stati fermati dalle forze dell'ordine con l'accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere. I dettagli dell'operazione verranno forniti nella conferenza stampa di lunedì 8 gennaio 2018 alle 11.


Popolare

COLLEGARE