Torino, si dimettono i revisori dei conti del Comune: "Troppe pressioni"

I revisori dei Conti del comune di Torino hanno rassegnato le dimissioni, spiegando di aver incontrato "difficoltà nello scambio di comunicazioni e ostacoli nell'attività di raccordo" tra l'ente e il collegio e tra il collegio e il consiglio comunale. Uno scontro sotterraneo per mesi e scoppiato a fine 2017, racconta La Stampa, dopo alcuni esposti alla magistratura e addirittura ventilare mozioni di sfiducia sul loro operato: dimissioni irrevocabili, quelle di Herri Fenoglio, Nadia Rosso e Maria Maddalena De Finis, comunicate al sindaco Appendino con una lettera molto dura in cui vengono messi a nudo i problemi di fondi che hanno portato a questa decisione.

I rapporti tesi tra i revisori e l'amministrazione a Cinque Stelle nascono dalle vedute contrastanti sull'iscrizione a bilancio del debito Ream. I revisori dei Conti della giunta Appendino hanno deciso di dimettersi, a causa degli attriti con i consiglieri del Movimento 5 stelle. "Prendiamo atto delle dimissioni".

Torino, 12 gen. (askanews) - "Non posso che ritenere gravi e lesive dell'immagine della città di Torino queste affermazioni".

"In questi mesi, è stata mia premura raccogliere diverse prove documentali a testimonianza della costante collaborazione dei nostri uffici".

"Attendo con fiducia il nuovo sorteggio della Prefettura, per poter riprendere proficuamente un rapporto di collaborazione tra il consiglio comunale e i prossimi revisori nominati", conclude il Presidente della Commissione Bilancio.


Popolare

COLLEGARE