Milan, Montolivo attacca Montella: "Il nuovo modulo ci ha fatto perdere tempo"

È vero che in parte è lo stato anche il 2017, ma deve ricordarsi che quella è stata la parte più facile.

Sul 2018: "Mi auguro sia l'anno di Cutrone". Il giorno dopo la partita il suo comportamento non cambia, indipendentemente dal risultato.

Montolivo analizza la gestione Montella senza risparmiare una critica al modulo adottato dopo la disfatta di Roma: "Credo che il cambio modulo dopo la sconfitta con la Lazio abbia portato difficoltà maggiori anche perché avevamo svolto tutto il ritiro in un certo modo e poi a metà settembre ci siamo trovati a cambiare completamente modo di giocare. Ed è sempre sul pezzo". Qualche difficoltà era messa in conto, ma così tante no. Proprio per questo credo sia stato difficile trovare un equilibrio: quando ti manca il terreno sotto ai piedi fai fatica a ritrovarlo.

I gradi Riccardo Montolivo non li ha più, ma nell'intervista rilasciata a Sky Sport, in cui ha toccato diversi argomenti, e non si è nascosto quando sono stati fatti i nomi di Gattuso e Bonucci, ha parlato come se fosse ancora lui il capitano rossonero. Il Milan sta vivendo un'annata molto diversa rispetto a quella che s'immaginava, ma nelle ultime settimane qualcosa sembra cambiato e Gattuso pare abbia trovato la strada giusta: "Nessuno avrebbe mai immaginato tutte queste difficoltà, ma stiamo lavorando per lasciarci alle spalle il momento complicato". Perché in questo periodo tutti si aspettano tanto da lui. D'altronde ci sono dei calciatori che non hanno bisogno di titoli per essere leader nello spogliatoio. "I tifosi non ci hanno mai fatto mancare il loro supporto, ma noi dobbiamo dare di più affinché San Siro diventi un valore aggiunto". "Sicuramente da una parte dobbiamo dire grazie al Presidente Berlusconi per tutto quello che ha fatto per il Milan, per i suoi tifosi in questi anni".

Un Milan di 'vecchi' e 'nuovi'? "La squadra ha tante risorse che dobbiamo sfruttare di più". "Abbiamo perso tempo col cambio di modulo". "Le due Coppe invece sono obiettivi concreti e alla nostra portata, sarebbe bello arrivare in fondo ad entrambe".


Popolare

COLLEGARE