La tutor di Regeni a Cambridge verrà interrogata a gennaio

L'ultimissima novità in merito alle indagini sarebbe una perquisizione nell'ufficio e in casa di Maha Abdel Rahman, la professoressa di Cambridge tutor del giovane friulano morto in Egitto mentre ricercava materiale per la sua tesi.

La vicenda relativa alla morte di Giulio Regeni, il ricercatore rapito il 25 gennaio 2016, torturato e trovato cadavere il 3 febbraio sull'autostrada tra il Cairo e Alessandria d'Egitto, si arricchisce di particolari decisamente interessanti. All'audizione della docente, come persona informata sui fatti, ha partecipato il pm Sergio Colaiocco, e gli inquirenti di Ros e Sco.

In una nota diffusa dalla Procura di Roma si spiega che "grazie alla piena e fattiva collaborazione con le autorità del Regno Unito gli investigatori del Cambridgeshire ed italiani hanno proceduto ad effettuare le attività di indagine richieste dall'autorità giudiziaria italiana nell'ordine europeo di investigazione dell'ottobre scorso".

Gli investigatori italiani hanno ottenuto massima collaborazione da parte dei vertici dell'Ateneo britannico che ha disposto la consegna agli inquirenti del traffico delle mail della tutor e una serie di documenti del suo lavoro.

L'unica notizia emersa al momento è che "l'argomento della ricerca da realizzare al Cairo fu una libera scelta di Giulio Regeni". La professoressa, non indagata, era stata ascoltata poco prima dagli inquirenti, rispondendo a tutte le domande e confermando quanto già detto in precedenti occasioni.


Popolare

COLLEGARE