Coree, ora è vero disgelo: Moon pronto a incontrare Kim

"Penso che il presidente Trump meriti un grande credito per aver promosso i colloqui inter-coreani, voglio mostrare la mia gratitudine", ha detto Moon ai giornalisti durante la sua conferenza stampa di Capodanno. Un segno di apertura non indifferente, diffuso prima dal governo di Seul e poi confermato dalla Casa Bianca con queste parole: "Il presidente Trump ha indicato di essere aperto a colloqui tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord nei tempi opportuni e se le circostanze lo permetteranno".

"Potrebbe essere un risultato delle sanzioni e delle pressioni a guida Usa", ha aggiunto.

Quanto poi ad una possibile revoca delle misure restrittive che il suo Paese ha adottato contro Pyongyang, l'inquilino della Casa Blu ha chiarito che la revoca delle stesse è subordinata alla soluzione della crisi nucleare: "sebbene i colloqui con il Nord siano iniziati, la crisi nucleare non è stata risolta, quindi il Sud si terrà al passo con la comunità internazionale sulla questione delle sanzioni", che "non ho alcuna intenzione di alleggerire" anche perché rientrano "nella cornice di quelle stabilite dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite" e sarebbe "difficile per la Corea del Sud revocarle indipendentemente".

"Questo primo giro di colloqui riguarda il miglioramento delle relazioni tra la Corea del Nord e la Corea del Sud".

Moon Jae Ying ha detto che la "denuclearizzazione della Corea del Nord è una parte del cammino verso la pace, nostro obiettivo".

Pyongyang, Venerdì, ha accettato la proposta della Corea del Sud di tenere una riunione a Panmunjom per discutere l'invio di una delegazione nordcoreana ai previsti Giochi olimpici invernali a partire dal 9 febbraio nella contea sudcoreana di PyeongChang. Ieri inoltre, a quanto riferito dall'agenzia Yonhap che cita una nota della presidenza di Seul, Trump ha avuto colloquio telefonico con Moon Jae-in, nel quale ha dichiarato di apprezzare il dialogo tra le due Coree, che può portare a negoziati di denuclearizzazione e all'ipotesi di incontri Washington-Pyongyang, a tempo debito e a date condizioni.

"Se il Nord e il Sud abbandonano le forze esterne e cooperano insieme, saremo in grado di risolvere completamente tutti i problemi per soddisfare i bisogni della nostra gente e la nostra comune prosperità", scrive il quotidiano.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.


Popolare

COLLEGARE