Valanga sul Gran Sasso: trovato morto l'escursionista disperso

Morto l'escursionista. È stato trovato morto l'escursionista travolto nel pomeriggio da una valanga sul Gran Sasso aquilano, nella zona di Pizzo Cefalone: a confermarlo è il Cnsas. Nel frattempo però, i cani antivalanga, gliunici che avrebbero potuto rintracciare il disperso, sono riusciti a individuare il cadavere del secondo escursionista. Proprio qualche giorno fa il Sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi aveva formalizzato un'informativa, predisposta dal settore Pianificazione, nella quale rende noto che il Consiglio regionale d'Abruzzo ha approvato la Carta di Localizzazione dei Pericoli da Valanga del Massiccio del Gran Sasso d'Italia-Settore Occidentale. Nove persone, tra Soccorso alpino della Guardia di finanza e Corpo nazionale soccorso alpino, hanno raggiunto a piedi la zona di Pizzo Cefalone per soccorrere i due.

Con due unità cinofile e assieme alle squadre a terra si sono svolti sondaggi a partire dal punto dove è stata trovata una borraccia, che il superstite è certo fosse di proprietà del suo compagno ma purtroppo non c'è stato nulla da fare. Sta arrivando anche la potente fotocellula dei vigili del fuoco, che dalla base della funivia cercherà di illuminare l'area. Peter Dubrovski, rimasto fuori dal manto nevoso, è stato recuperato dai soccorritori dal piazzale di Fonte Cerreto, in buone condizioni fisiche, anche se in stato di shock.


Popolare

COLLEGARE