Udinese, massimo risultato con il minimo sforzo, ko il Benevento (2-0)

Dopo la sconfitta immeritata contro il Napoli, l'Udinese è tornata alla vittoria battendo nettamente il Crotone per 3 a 0, senza tralasciare il clamoroso 8 a 3 rifilato al Perugia e grazie al quale i friulani si sono garantiti il passaggio agli ottavi di Coppa Italia: l'arrivo in panchina di Massimo Oddo sembra aver riportato un po' di entusiasmo all'ambiente dopo la crisi di risultati nella gestione Del Neri che aveva fatto piombare la squadra nelle zone calde della classifica. Apre Barak, che si conferma il gioiello della rosa, chiude Lasagna al 41′ del primo tempo con un diagonale chirurgico.

Tra le gare in programma in questa 16a giornata, c'è anche quella tra Udinese e Benevento che andrà vista con molta curiosità, alla luce del pareggio dei campani contro il Milan. I padroni di casa al 10' vanno vicinissimi al raddoppio: punizione battuta da Ali Adnan e la deviazione di testa di Chibsah manda il pallone a colpire la traversa dell'incolpevole Brignoli. Dati i recenti exploit in termini di gol della squadra di Oddo che per giunta si troverà di fronte alla peggior difesa del campionato, Unibet ha fissato per l'Over (1,67) una quota più bassa rispetto all'Under (2,20); Betclic offre una quota di 7,75 per il risultato esatto di 2-1 in favore dell'Udinese. Centrocampo con Chibsah, Memushaj e Del Pinto. Dieci minuti più tardi ancora Udinese avanti: ottimo cross di Jankto dalla sinistra per Lasagna, ma Brignoli anticipa l'attaccante bianconero. Gli uomini di De Zerbi provano allora ad approfittrne, alzando il baricentro.

Nonostante il Benevento sia chiamato a recuperare due gol di svantaggio, la ripresa parte a ritmi piuttosto bassi. Al 61' Il Benevento ci prova con un tiro di Memushaj che impegna Bizzarri.

Scontro diretto per la salvezza che fiisce in mano all'Udinese. Al 74' negli stregoni entra anche Ciciretti al posto di Antei. Un minuto dopo nel Benevento viene ammonito Gyamfi per una trattenuta a De Paul. L'Udinese ci mette quattro minuti e venti secondi a dimostrare al suo tecnico di aver capito il concetto. Un rischio arriva soltanto nel finale, quando lo stesso Bizzarri regala una punizione a due in area.


Popolare

COLLEGARE