Sassuolo-Inter, Spalletti: "Domani ci sarà una grande reazione"

È da luglio che noi cerchiamo di reagire dopo quello che è accaduto precedentemente.

"Alcuni calciatori non hanno avuto tantissime possibilità, ma poi qui sul campo vedo la voglia di migliorarsi in tutti i miei calciatori". Non c'è nessun piano B, è tutto sotto controllo ed è chiaro che non vorremmo perdere mai. Recuperare la qualità della rosa?

"A me non serve ragionare in quel modo lì?" Durante la quale il mister ha confermato la fiducia al gruppo che allena da inizio stagione. Il girone di ritorno ci dirà chi siamo veramente e poi ad oggi è impossibile fare previsioni perché di mezzo ci sarà il mercato di gennaio e alcune formazioni si rinforzeranno. La vittoria con il Torino ha dimostrato che il Napoli ha superato il periodo di involuzione atletica che si era manifestato a cavallo della partita persa in casa con la Juventus. Come rientro poi nello spogliatoio? Per me è a tutti gli effetti un giocatore forte e parte integrante dell'Inter. Io preferisco avere a che fare con giocatori che dicano di voler vincere di più. Ma noi dobbiamo pensare ad insistere sui concetti che facciamo in settimana, dobbiamo crederci fino in fondo. "Lo ha avuto come tecnico e devo dire che è certamente tra i più preparati". Alla Juve, intorno alla Juve non si fanno questi discorsi.

Le piace giocare nelle festività? "Se ci fossero stadi riscaldati, si può anche alle 12.30 del 25".

"A me, in questa direzione, non ha detto nulla né SabatiniJoao Mario".

Tra le note positive della settimana c'è il recupero in gruppo di Joao Mario. "Mercato? I giocatori che ho mi vanno bene". Qualcosa si intravede, sono qui da non molto tempo però già abbiamo avviato un buon percorso.

"Probabilmente la società ha la stessa volontà mia di rendere partecipi i propri tifosi". Sono una grande squadra, probabilmente quella che sin è stata più continua. "Vogliamo coinvolgere perché l'affetto, il movimento dei tifosi lo meritano". Spalletti appare un po' preoccupato della situazione del governo cinese che limita le uscite di capitale all'estero: "Qualcosa è cambiato". Ma bisogna prima conoscere le possibilità e le intenzioni dei dirigenti. In generale dobbiamo tutti essere parte dei problemi e delle soluzioni. Tutto quello che troveremo davanti lo affronteremo, poi si faranno le dovute considerazioni su tutto.


Popolare

COLLEGARE