Polonia, la Commissione Ue attiva articolo 7 contro Varsavia

La Commissione europea ha fatto scattare - per la prima volta nella storia dell'Unione - la procedura per avviare le sanzioni dell'articolo 7 del Trattato dell'Ue, per il rischio di violazione grave allo stato di diritto, in Polonia, guidato dal partito nazionalista Legge e Giustizia. E' questo l'esito della discussione che si è svolta oggi a Bruxelles nell'ambito del Collegio dei commissari dell'Ue. La Polonia è un Paese libero e uno Stato di diritto. "Qui non si tratta solo della Polonia, ma di tutta l'Ue".

La Commissione europea ha chiesto alla Polonia di congelare la riforma della giustizia che mette la magistratura sotto il controllo del governo. Per la Polonia significherebbe la perdita del diritto di voto nel Consiglio della UE, se gli altri Paesi daranno il via libera alla decisione di Bruxelles. "Dobbiamo proseguire la riforma della giustizia", ha detto Ziobro. La Commissione precisa comunque di voler mantenere la sua offerta per un dialogo costruttivo, al fine di porre rimedio alla situazione attuale.


Popolare

COLLEGARE