Malta, 8 arresti per l'omicidio della blogger Daphne Caruana Galizia

A dare la notizia dell'arresto alla stampa è stato il premier maltese Joseph Muscat, che ha specificato che si tratta degli esecutori materiali dell'attentato. I fermi sono stati effettuati in diverse aree del Paese, tra cui Marsa e Bugibba: l'emittente televisiva di Malta ha parlato di un'ampia operazione di Polizia.

Possibile svolta nelle indagini sull'omicidio della giornalista italiana Daphne Caruana Galizia. Poi il premier ha aggiornato il numero degli arresti con un tweet: in totale sarebbero dieci, quindi, le persone ritenute colpevoli dell'omicidio della giornalista, rimasta uccisa nell'esplosione della sua Peugeot 108, trasformata in autobomba. Le forze dell'ordine hanno seguito i sospetti per diverso tempo prima del blitz.

La polizia maltese ha arrestato 8 persone nell'ambito dell'inchiesta sull'omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, avvenuto il 16 ottobre scorso con un'autobomba. "Sono stato informato riguardo a un'operazione di sicurezza che ha avuto luogo questa mattina, sulla quale penso sia nell'interesse nazionale informare il pubblico", scrive il premier Muscat in un comunicato. Secondo il Times of Malta, i sospetti sono tutti di nazionalità maltese.

La blogger Caruana Galizia, 53 anni, quando è stata uccisa aveva fatto ripetute e dettagliate accuse di corruzione sia contro politici nelle 'grazie' di Muscat che contro esponenti dell'opposizione.


Popolare

COLLEGARE