I "pellerossa" avranno un santo, il leggendario capo Sioux Alce Nero

È questo l'impegno preso dai vescovi americani che, nella loro ultima conferenza a Baltimora, negli Stati Uniti, hanno approvato l'avvio del processo di santificazione.

Alce Nero combatté a Little Big Horn contro il generale Custer; nel 1890 girò l'Europa con Buffalo Bill, poi restò segnato per sempre dagli orrori del massacro dei Sioux a Wounded Knee.

Alce Nera divenne cattolico da adulto, battezzò centinaia di Sioux, insegnò il catechismo e visse una vita umile fino alla morte, nel 1950 nella riserva indiana di Pine Ridge, nel South Dakota. Uno o due anni dopo la morte della moglie, avvenuta nel 1903, anche Alce Nero fu battezzato col nome di Nicola Alce Nero. Adesso, sulla spinta di una richiesta della diocesi di Rapid City, la causa di beatificazione. Già prima del battesimo Alce Nero mescolava pratiche native a dettami cattolici praticando una forma di sincretismo religioso. Il New Yorker ha avvicinato i discendenti dello sciamano che ancora vivono nella riserva di Pine Ridge.

Figlio di uno sciamano e nipote di Cavallo Pazzo, nato intorno al 1863 in quello che oggi si chiama Wyoming, Alce Nero potrebbe diventare il primo nativo americano a diventare santo. "In famiglia girano storie che i missionari cercavano di battezzarlo e lui correva a nascondersi sotto il letto", ha raccontato la bisnipote Charlotte che si definisce pagana. Il libro inizialmente non trovò lettori ma negli anni Sessanta, dopo esser stato riscoperto da Carl Jung e tradotto in tedesco, diventò un bestseller venduto in milioni di copie in tutto il mondo.


Popolare

COLLEGARE