"Ferro da stiro o bracciale?", polemiche sulla pubblicità Pandora: "E' sessista"

Della pubblicità dei gioielli Pandora accusata di essere sessista e misogina.

"Un ferro da stiro, un pigiama, un grembiule, un bracciale Pandora: secondo te cosa la farebbe felice?" recitano i grandi manifesti nelle stazioni del metro. Il web - e non solo - va su tutte le furie: i pubblicitari della casa danese hanno creato uno slogan sessista, anacronistico e basato su stereotipi.

Se la pubblicità è brutta, e questo è oggettivo, probabilmente l'impeto antisessista ha fatto fraintendere il doppio significato del messaggio e la scelta fatta dai creativi. Ad unirsi immediatamente alle critiche anche l'organizzazione no profit che si occupa di burlesque, vita e donne, LeFanfarlo, che hanno pubblicato sul profilo Facebook la foto del cartellone pubblicitario commentandolo: "Non potevamo crederci, ma purtroppo è tutto vero". Così, nelle ultime ore, Pandora ha provveduto a scusarsi tramite Facebook, cercando di spiegare meglio il senso della pubblicità. È difficile che si possa regalare a un uomo un ferro da stiro per il suo regalo di Natale anche perché il maschietto manco sa cosa sia: lo guarda come un oggetto di ammirazione, come se fosse un'arma di distruzione di massa, data alle donne per colpirlo nel momento in cui fa qualche stupidata.

"Molte di voi hanno visto la nostra campagna Natale 2017 - si legge nel primo post - e le affissioni che coprono tutta l'Italia". In seguito l'azienda ha preso posizione spiegando, in sostanza, che il messaggio è stato frainteso. Quante donne - continua - a Natale spacchettano regali sbagliati? Da sempre PANDORA ha a cuore le donne e quest'anno vuole aiutarle a trovare sotto l'albero il regalo perfetto. La nostra intenzione era quella di strizzare l'occhio ad alcuni stereotipi che tutte noi conosciamo in maniera ironica e giocosa, assolutamente non offensiva, con il desiderio di regalarvi un sorriso. "Per Natale soprattutto rispetto, piuttosto che un bel bracciale". In realtà abbiamo visto che estrapolati dal loro contesto alcuni passaggi di questa comunicazione hanno generato interpretazioni opposte al nostro intento, quindi ci scusiamo con tutte coloro che si sono sentite toccate nella loro sensibilità.


Popolare

COLLEGARE