Casalesi, arrestate sorella e cognate del boss Zagaria

La questione è nata a seguito della trasmissione della serie televisiva alla quale sono state contestate delle inesattezze che hanno, come riferiscono i legali, disgustato l'ex boss del clan dei casalesi; prima fra tutte la rappresentazione dell'uomo come un pedofilo sessualmente attratto dalla figlia minorenne della famiglia che lo ha ospitato per anni.

Le arrestate sono accusate di ricettazione aggravata dal metodo mafioso, poiché sarebbero state destinatarie di risorse economiche del gruppo camorristico.

I provvedimenti sono a carico di Beatrice Zagaria, sorella di Michele, capo dell'omonima fazione del clan dei casalesi, oggi detenuto; di Francesca Linetti, moglie di Pasquale Zagaria, fratello di Michele ed anch'egli detenuto; Tiziana Piccolo, moglie di Carmine Zagaria, anch'egli fratello di Michele, già detenuto e attualmente sottoposto alla sorveglianza speciale; e per Patrizia Martino, moglie di Antonio, fratello di Michele, anch'egli detenuto.

Come rileva una nota, le indagini, coordinate dalla Dda della Procura di Napoli, si basano su accertamenti patrimoniali, intercettazioni e dichiarazioni di collaboratori.

Ad incastrare Michele Zagaria ci sono anche alcuni dialoghi registrati in carcere a Terni, dove i boss è detenuto.


Popolare

COLLEGARE