Calcio, Davide Nicola si dimette da allenatore del Crotone

Davide Nicola non sarà più l'allenatore del Crotone. "Probabilmente lo farà chi di dovere", riporta la rosea. Battute a parte, il mese di novembre è stato un vero e proprio incubo per gli allenatori italiani che improvvisamente hanno visto riattivarsi la vena decisionista dei presidenti sopita nelle settimane precedenti. Secondo gli ultimi rumors, la rottura con la società sarebbe avvenuta nel corso dell'intervallo contro i friulani, con il presidente Gianni Vrenna che aveva raggiunto tutti negli spogliatoi facendosi sentire. Nicola era legato al Crotone da un contratto fino al giugno 2018, con ingaggio di quasi 500.000 euro.

Una scelta che ha preso in contropiede società e giocatori. Il confronto si è ripetuto all'indomani, nel pomeriggio: uno tra i dirigenti e Nicola, un altro tra i dirigenti e i giocatori.

La decisione, come detto, è stata presa ieri sera.

Sulla reazione della squadra: "La squadra è rimasta allibita ma saprà reagire". Non se lo aspettava nessuno, né il direttore, nè la squadra, nè io.

Mi chiamo Andrea, ho 16 anni e sono appassionato al calcio in generale, oltre ad essere tifoso dell'Inter. E così l'allenatore dell'impresa impossibile, mai messo in discussione lo scorso anno nemmeno quando perdeva a ripetizione, ora sembra voler prendere lui una decisione, che porterebbe alla rottura del rapporto con il Crotone. La rosa infatti è molto corta e bastano poche defezioni per far sì che, per esempio, in una partita fondamentale ci sia un giovanissimo come Simic al centro della difesa (come accaduto lunedì).


Popolare

COLLEGARE