C'è l'ok del Senato, il biotestamento è legge: ecco che cosa prevede

L'approvazione è stata possibile proprio perché il testo della Camera è stato blindato ed ha retto al passaggio anche al voto segreto. Il risultato è stato accolto da un applauso dell'Aula.

In cosa consiste la legge su biotestamento?

Il Senato ha approvato in data odierna la legge sul biotestamento con 180 voti favorevoli, 71 contrari e 6 astenuti.

"Dal Senato via libera a una scelta di civiltà". È "un passo avanti per la dignità della persona", ha commentato sui Twitter il premier Paolo Gentiloni. Le Dat sono revocabili e vincolanti per il medico e prevedono il consenso libero e informato della persona interessata, senza il quale nessun trattamento può essere iniziato o proseguito.

Per quanto riguarda i minori 'il consenso è espresso dai genitori esercenti la responsabilità genitoriale o dal tutore o dall'amministratore di sostegno, tenuto conto della volontà della persona minore'. Viene "promossa e valorizzata la relazione di cura e di fiducia tra paziente e medico il cui atto fondante è il consenso informato" e "nella relazione di cura sono coinvolti, se il paziente lo desidera, anche i suoi familiari".

In caso di rifiuto o rinuncia da parte del paziente dei trattamenti sanitari necessari alla sua sopravvivenza, il medico è tenuto a spiegargli le conseguenze di questa decisione e le possibili alternative e deve fornirgli azioni di sostegno, come l'assistenza psicologica.

Questa legge può diventare uno strumento burocratico e il consenso informato un "pezzo di carta" da firmare per tutelare un contratto sanitario, oppure l'occasione per un processo di cura e di relazioni personali e cliniche costruito sulla consapevolezza di diritti e doveri che si inscrivono in quella risposta ai bisogni umani che affiorano nel tempo della malattia. A fronte di tali richieste il medico non ha obblighi professionali quindi può rifiutarsi di dare corso alle Dat, tuttavia ogni azienda sanitaria pubblica o privata anche cattolica garantisce la piena e corretta attuazione dei principi della legge sul biotestamento.

Nel caso di un paziente con prognosi fatale a breve termine o di imminenza di morte, il medico deve astenersi da ogni ostinazione irragionevole nella somministrazione delle cure e dal ricorso a trattamenti inutili o sproporzionati. Esiste la possibilità della sedazione palliativa profonda continua. Ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di una propria futura incapacità di autodeterminarsi può, attraverso disposizioni anticipate di trattamento, esprimere le proprie convinzioni in materia di trattamenti sanitari, indicando una persona di sua fiducia (il fiduciario) che lo rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie. "La prossima legislatura sarà quella in cui chiederemo di discutere e approvare anche la legge per l'eutanasia legale", ha dichiarato, aggiungendo poi che "Non saremmo arrivati a questo punto senza il coraggio di tante persone. Welby, Piludu, Fanelli, Fabo, Dominique Velati ci hanno messo la faccia rischiando personalmente, esponendo pubblicamente la propria sofferenza e il proprio dolore per conquistare una libertà per tutti". Il fiduciario può rinunciare alla nomina con atto scritto. Ricordiamo che le Dat non sono l'eutanasia, che in Italia l'eutanasia non si pratica, è illegale e non si può fare.

Tali Disposizioni possono essere espresse anche attraverso videoregistrazione o dispositivi che permettano di comunicare e possono essere rinnovate, modificate e revocate in ogni momento.


Popolare

COLLEGARE