Banche, Di Maio: 'Boschi solo punta dell'iceberg'

"Il nostro obiettivo è arrivare al 40 per cento per governare da soli, se non lo avremo ci assumeremo la responsabilità e per governare faremo un appello pubblico ai partiti, la sera delle elezioni, e gli chiederemo di votare la fiducia al nostro governo, ma sui temi". Se incontreremo LeU o la Lega? Quelle che Di Maio definisce pensioni d'oro sono in realtà le pensioni che godono di concessioni contributive. "Sono cambiati i rapporti di forza tra i Paesi europei - ha aggiunto - e l'Italia ora può essere molto più forte nella contrattazione". Il vicepresidente della Camera ha annunciato che quando sarà al Governo darà una netta sforbiciata alle pensioni d'oro e che questa operazione gli permetterà di raccogliere ben 12 miliardi di euro da mettere al servizio del welfare e quindi anche del reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia dei pentastellati. "Quei 12 miliardi fanno parte di un pacchetto complessivo e graduale in cinque anni sugli sprechi e la spesa improduttiva del bilancio dello Stato". Di Maio in particolare ha detto: 'Se vogliamo prendere 12 miliardi di euro dalle pensioni dobbiamo tagliare a chi prende 2.300 euro di pensione'. "Noi parliamo di quelle da 5.000 euro netti in su, cioé le pensioni di coloro che non hanno versato i contributi per ottenere un tale assegno". E, paradosso nel paradosso, alcuni mezzi di informazione, Rai in testa (ma non solo), danno conto della vicenda partendo dalla dichiarazione di colui che contesta la tesi da lui stesso attribuita all'avversario. Sulle banche mi interessa poco se è colpa solo della Boschi.

Di Maio: "se andremo al goveno non toglieremo gli 80 euro". Per Salvini l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa con il leader di Forza Italia: "Io ritengo che Berlusconi firmerà, è necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese, anche un patto contro gli inciuci". Ma il punto è un altro - insiste Renzi -. Chiarisce, però, che per quanto lascino a desiderare sul piano dei fatti - si vedano i risultati amministrativi di Raggi e Appendino - su quello delle idee i grillini sono capaci di tutto. E infatti non l'ha detto e non l'ha pensato.


Popolare

COLLEGARE