Baby gang alla stazione pesta il capotreno

Per questo è stata aggredita dai quattro con insulti e spintoni.

Prima hanno aggredito una ragazza a bordo del treno regionale Lucca - Pisa, poi hanno riversato la loro rabbia contro la capotreno intervenuta per difenderla.

C'è forse un week end all'insegna dello sballo dietro all'aggressione avvenuta sabato mattina ai danni di una capotreno a bordo di un convoglio regionale sulla tratta Pisa-Lucca e culminata con un'esplosione di violenza inaudita che ha messo nei guai una baby gang di minorenni, due dei quali sono stati arrestati, mentre gli altri due sono stati riaffidati ai genitori e ora rischiano una denuncia.

I due diciassettenni che sono stati affidati ai genitori dopo la violenza degli amici hanno tentato di calmarli e si sono mostrati anche più collaborativi con gli inquirenti, ma rischiano ugualmente una denuncia. Sulla pensilina, però, la banda ha dato vita a un vero e proprio parapiglia, rifilando calci e pugni agli agenti che cercavano di bloccarli. Malmenati anche due poliziotti, intervenuti per sedare la rissa. Intanto, di quanto stava accadendo sul treno, veniva informata la Polfer della stazione di Pisa. Sono tutti italiani, due di loro di origine straniera. Gli altri si sarebbero limitati a guardare. Un poliziotto è finito al pronto soccorso con il naso rotto, un altro con il ginocchio fratturato, un terzo se l'è cavata con contusioni ed escoriazioni, così come il capotreno. Tutti e 4 i minorenni, comunque, sono stati sottoposti agli accertamenti tossicologici, su ordine della Procura di Firenze.


Popolare

COLLEGARE