Assemblea ONU boccia Gerusalemme capitale d'Israele

La convocazione dell'Assemblea era stata chiesta a seguito del veto posto il 19 dicembre dagli Stati Uniti a una bozza di risoluzione simile proposta dall'Egitto al Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

Sempre prima del voto, l'ambasciatrice americana all'ONU, Nikki Haley, aveva detto: "L'America sposterà la sua ambasciata a Gerusalemme".

Anp, e' vittoria per Palestina- Il voto dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite su Gerusalemme, dice il portavoce del presidente dell'Autorita' nazionale palestinese (Anp) Mahmoud Abbas, "e' una vittoria per la Palestina".

Complessivamente ad esprimersi a favore sono stati 128 paesi.

Gli esportatori della democrazia nel mondo hanno deciso di segnarsi i nomi di chi non la pensa come loro.

Parole dure, che presuppongono il mancato rispetto da parte degli Usa della risoluzione e pongono anche un problema tra il Paese guidato da Trump e i suoi alleati.

Un testo per chiedere a Washington il ritiro della dichiarazione con cui Trump ha riconosciuto la Città santa capitale dello Stato ebraico, destando l'ira dei palestinesi e il biasimo del mondo arabo e di buona parte della comunità internazionale. La Turchia ha più volte rifiutato il ricatto, e il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu all'Assemblea generale ha parlato di "bullismo" e ha aggiunto: "Potete essere forti, ma ciò non vuol dire che abbiate ragione".

La maggioranza dei 193 stati membri dell'Assemblea ha così preferito sostenere la vecchia linea internazionale riguardo lo status di Gerusalemme, rivendicata come capitale sia da israeliani sia da palestinesi, che rimanda qualsiasi tipo di decisione definitiva a quando il processo di pace avrà fatto progressi significativi. "Gerusalemme è la chiave per la pace e per la guerra".

"Questo voto finirà nel secchio della spazzatura della storia": ha detto Danny Danon, ambasciatore israeliano all'Onu. Prevedendo l'esito del voto ha voluto sottolineare come Israele respinga "il voto ancor prima del suo esito".

L'Onu boccia la risoluzione Trump su Gerusalemme. Giovedì ci sarà un voto che critica la nostra scelta. A questo punto non si esclude nessuna ipotesi, anche l'uscita clamorosa degli Stati Uniti dall'Onu.


Popolare

COLLEGARE